/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 13 aprile 2018, 18:08

Servizio di controllo del territorio dei carabinieri: due arresti ad Albenga e Ceriale

Si tratta di uno spacciatore di 26 anni residente ad Imperia e di un 29enne di origine marocchina

Ieri i Carabinieri della Compagnia di Albenga con un articolato dispositivo di pattuglie, hanno messo in atto un’intensa rete di controlli per tutta la giornata sia ad Albenga che a Ceriale.

Il bilancio è di due arresti: uno spacciatore 26enne di Imperia, che ha opposto una violenta resistenza ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile che lo avevano fermato ad Albenga a bordo della propria autovettura per un controllo. Quest’ultimo, pur tentando di divincolarsi, scalciando come un forsennato, nel tentativo di guadagnare la fuga, è stato immediatamente immobilizzatolo dai carabinieri. Durante la perquisizione della macchina, i militari hanno rinvenuto 70 grammi di hashish. Da lì l’arresto per resistenza e spaccio. Oggi durante l’udienza di convalida è stato condannato a 6 mesi di reclusione pena sospesa e l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione quotidiana ai carabinieri di Imperia, dove risiede.

I carabinieri della Stazione Ceriale, invece, immediatamente intervenuti presso il Supermercato “Lìdl” di Ceriale, sono riusciti ad arrestare nella flagranza del reato, un rapinatore di 29 anni, pregiudicato, di origine marocchina, che aveva appena picchiato l’addetto alla sicurezza del esercizio commerciale, mandandolo all’ospedale da cui poi è stato dimesso con 10 giorni di prognosi a seguito della violenta colluttazione. I militari lo hanno atterrato, ammanettato e, dopo le formalità, accompagnato direttamente in carcere in attesa della convalida.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore