/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | giovedì 17 maggio 2018, 15:00

Mistero ad Albenga: che fine ha fatto la statua della "Madonnina di Pontelungo"?

L'icona sacra è stata sostituita nella cappelletta votiva con un'altra rappresentazione. Malumore tra i residenti del quartiere

Ore di ansia, preoccupazione, malumore tra i residenti dell’estremo levante albenganese, verso il confine con Ceriale: che fine ha fatto la Madonnina presente nella cappelletta votiva sulla via Aurelia?

Spiegano gli abitanti della zona: “Con nostro grande stupore abbiamo visto che quella attualmente presente nella nicchia è una rappresentazione generica della Beata Vergine Maria, mentre fino a non molto tempo fa era custodita all’interno della nicchia la ‘nostra’ Madonna, la Madonna del Miracolo di Pontelungo, quella che tutti noi del quartiere di Pontelungo e zone limitrofe ricordiamo e veneriamo”.

Le ipotesi formulate dai cittadini sono due, una buona e una cattiva: la versione positiva è che qualche azienda specializzata si sia fatta carico della statuina per il restauro; molto più negativo sarebbe, invece, se la madonnina fosse stata trafugata o vandalizzata.

Concludono i residenti dei quartieri di levante: “La nostra Madonna era in quella teca dall’Anno Mariano 1954, se la ricordano bene i nostri padri e i nostri nonni. Tutti siamo molto affezionati a quell’icona. Oltretutto era uno degli ultimi esemplari di una serie molto limitata di raffigurazioni della Madonna di Pontelungo realizzate in quell’anno e tutte condannate a tristi destini: perse o danneggiate a causa dell’incuria o rubate da ignoti. Rivogliamo la statuina nella cappelletta votiva, ci sta molto a cuore”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore