/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | mercoledì 13 giugno 2018, 13:15

Albenga, il consigliere Ciangherotti: "Amministrazione incapace pure ad installare correttamente le insegne di Albenga città del vino"

"Acquisite tutte le planimetrie del villino XXV aprile, è in fase di studio un progetto di ristrutturazione per le eccellenze enogastronomiche"

“Sono contento che finalmente Albenga, diventata in silenzio Città del Vino, abbia i cartelli stradali che danno la prestigiosa notizia a chi entra in città. Non basta, però, aver presentato e fatto vedere i cartelli al Vinitaly, bisognerebbe anche posizionarli in modo corretto, affinchè chi entra ad Albenga alla guida della propria auto, ad esempio da Alassio, possa vedere e leggere l’informazione. Dalla foto scattata pochi giorni fa, però, non mi sembra che tutti i cartelli siano stati posizionati in maniera corretta. In alcune entrate cittadine, infatti, i cartelli sono sistemati in modo tale che per chi viaggia in auto difficilmente si leggono, perchè troppo bassi rispetto al guard rail della carreggiata" così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale ad Albenga e consigliere provinciale.

"Pazienza, sarà un altro dei lavori che l’Amministrazione comunale di centrodestra che il prossimo anno manderà a casa questa giunta con poche idee ma confuse. Il nostro impegno per promuovere le eccellenze del territorio sarà fortissimo, come già avevo affermato, l’ex villino XXV Aprile diventerà la sede delle eccellenze, vino compreso, e sarà la sede anche di un museo dell’agricoltura perchè solo conoscendo e tenendo vive le nostre radici potremo sviluppare il nostro futuro” conclude Ciangherotti. 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore