/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | giovedì 12 luglio 2018, 08:10

Albenga, Ciangherotti: "Mi scuso per l'allarme, ma resta il sospetto che sia stato trafugato nel tempo qualche reperto storico"

"Mi scuso con la famiglia dell’Avvocato Cosimo Costa che, al suono della sirena, si è subito spaventata al pensiero di avere a che fare con un ladro in casa. Nessuno, tanto meno me, avrebbe voluto creare un simile danno di immagine all'Istituto Studi liguri".

Nota ufficiale diffusa da Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale e consigliere provinciale:

Ieri mattina, alle ore 9 mi sono recato, con i consiglieri di minoranza, a fare un sopralluogo a Palazzo Peloso Cipolla, come da mia richiesta autorizzata dal dirigente comunale del patrimonio via Pec. 

Accompagnato da un funzionario comunale, ho visitato la sala del museo navale che confina con il vicino salone delle Rappresentanze. Convinto che il salone fosse nella disponibilità del Comune, ho fatto per aprire la porta laterale di servizio, che si è aperta ma ha fatto scattare l'allarme. Per diverse volte ho cercato di richiuderla, convinto che si fermasse la sirena, ma il chiavistello restava bloccato e l'allarme ha continuato a suonare. 

Mi scuso con la famiglia dell’Avvocato Cosimo Costa che, al suono della sirena, si è subito spaventata al pensiero di avere a che fare con un ladro in casa. Nessuno, tanto meno me, avrebbe voluto creare un simile danno di immagine all'Istituto Studi liguri. Aggiungo che non servono querele o denunce, involontariamente ho azionato l'allarme e per questo me ne scuso. 

Girando in tutte le sale aperte, non siamo riusciti a visionare nè la prestigiosa Collezione dei vasi in ceramica savonese dell’antica farmacia dell’ospedale di Albenga, nè il museo preistorico, così come l'attrezzatura della prima archeologia subacquea italiana di proprietà dello Stato. 

Essendo che da mesi ci viene impedito di accedere alle restanti sale del Palazzo comunale, abbiamo il sospetto che, senza che nessuno se ne sia accorto, sia stato trafugato nel tempo qualche reperto storico e pertanto abbiamo denunciato la situazione al Comando regionale dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale e chiesto l'intervento dei parlamentari liguri presso il Governo italiano. 

Se Camillo Costa, che tiene i rapporti istituzionali dell'Istituto di studi liguri con l'Amministrazione comunale, sapesse per caso dove sono finiti questi reperti, ci contatti subito in modo che si possa informare tempestivamente il Ministero, evitando così l’apertura di una indagine”. 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore