/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | giovedì 12 luglio 2018, 09:45

Simona Saccone Tinelli (UGL): "Alle magliette rosse pro immigrazione rispondiamo con quelle bianche per i morti sul lavoro"

"Dopo anni di silenzio bisogna che il governo attuale prenda provvedimenti seri e nel breve periodo, ci vogliono più controlli e meno burocrazia per incentivare le aziende a investire nella sicurezza sul lavoro".

Simona Saccone Tinelli, responsabile politiche sociali UGL della Liguria, interviene sul tema delle morti sul lavoro nel nostro paese:

"40, 44, 21 sono gli anni degli uomini morti in poche ore a Padova, Carrara e Napoli durante il lavoro ,da nord a sud questa è una vera emergenza che non possiamo come sindacalisti, uomini e politici non affrontare. Dopo anni di silenzio bisogna che il governo attuale prenda provvedimenti seri e nel breve periodo, ci vogliono più controlli e meno burocrazia per incentivare le aziende a investire nella sicurezza sul lavoro.

Il nostro sindacato proprio il primo maggio scorso ha ricordato nelle piazze italiane con l'installazione di sagome bianche il grave e sempre in aumento problema delle morti bianche. Spesso dietro alle morti bianche si nascondono storie di povertà, degrado e disperazione che portano il cittadino ad affrontare il lavoro con incoscienza per poter vivere e di questo ci sono aziende che se ne approfittano.

Ormai le storie di disperazione, degrado, miseria e sofferenza a causa del non trovare lavoro e della perdita dello stesso a causa di decentramento, fallimenti e chiusure ormai non si contano più, e chi come me si occupa di sociale lo sa bene, lo si evince dalle innumerevoli richieste del reddito di inclusione e carta rei con degli isee al limite della sopravvivenza.

Il ragazzo di 21 anni morto a Napoli ne è purtroppo un esempio: lavorava tanto, ricordano gli amici, come barista. Ma i soldi non bastavano mai, ecco che allora aveva deciso di andare - durante la pausa pranzo per 35 euro - a pulire i lucernari nel centro di Napoli dove cadendo dal quarto piano ha perso la vita. Ventuno anni non è l'età per morire, ma per vivere!

Mi chiedo come Responsabile per la Liguria delle politiche sociali, come dirigente sindacale e cittadino, che cosa hanno fatto i sindacati legati alla sinistra in tutti questi anni per sensibilizzare le aziende, per farle investire sulla sicurezza, per incentivare i controlli. 

La sinistra veste le magliette rosse pro immigrazione il nostro sindacato quelle bianche per le morti bianche sul lavoro, in onore e ricordo di tutte le persone oneste e per bene  che con fatica e impegno lavorano per vivere. Tutto questo deve cambiare, lavorare per vivere la nostra battaglia, la battaglia di un sindacato vicino al popolo e ai lavoratori" .

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore