/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | domenica 12 agosto 2018, 10:10

Il resoconto del Comando dei Carabinieri su Cairo Medievale: 5 denunce e 10 violazioni amministrative

Fatto il bilancio, nei sei giorni di festeggiamenti non si sono registrati eventi gravi e la festa è potuta scorrere all’insegna del divertimento.

Il resoconto del Comando dei Carabinieri su Cairo Medievale: 5 denunce e 10 violazioni amministrative

Positivo il resoconto, secondo la Compagnia dei Carabinieri, della festa di Cairo Medievale finita venerdì scorso. Fatto il bilancio, nei sei giorni di festeggiamenti non si sono registrati eventi gravi e la festa è potuta scorrere all’insegna del divertimento.

L’unico episodio quello che si è registrato nel corso della nottata tra l’8 ed il 9, dove cinque giovani, due appena maggiorenni e tre minorenni si sono resi responsabili di due furti, uno a danni dello stand della Pro Loco di Cairo, da dove hanno asportato un fusto di birra e delle bevande in lattina ed uno ai danni di un commerciante anch’esso titolare di uno stand al quale è stato asportato un telefono cellulare. Le indagini avviate dopo le presentazioni delle denunce hanno permesso di individuare il piccolo gruppetto di teppisti che hanno reso facile l’operato dei Carabinieri, pubblicando su un social network il video delle loro bravate. Per tutti è scattata la denuncia a piede libero alla Procura della Repubblica di Savona ed alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Genova per il reato di furto aggravato in concorso. La merce rubata è stata subito recuperata e restituita ai legittimi proprietari.

Al di la questo spiacevole episodio nel corso dei festeggiamenti non si sono registrati ulteriore eventi di particolare gravità. Non che siano mancati gli interventi delle numerose pattuglie di Carabinieri messe in campo per garantire la sicurezza dei cittadini e ospiti della festa, sia in uniforme che in abiti civile, e nel corso dei sei giorni sono state diverse le violazioni all’ordinanza comunale che disciplina la vendita di bevande alcooliche in contenitori di vetro ed alla normativa sull’uso di sostanze stupefacenti.

In totale sono state contestate 10 violazioni amministrative all’ordinanza comunale 22/2017 che vieta la mescita di bevande alcooliche in contenitori di vetro con il sequestro di 17 bottiglie di bevande alcooliche e 4 le contestazioni per il possesso ad uso personale di sostanze stupefacenti con il sequestro di in complesso di circa 7 grammi di Hashish e circa 2 grammi di marijuana. Inoltre, è stata contestata una violazione per ubriachezza.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore