/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | martedì 23 ottobre 2018, 14:15

Differenziare carta e cartone: la Liguria sotto la media nazionale

Il Nord Italia supera i 63 kg di questi materiali per ogni singolo abitante ogni anno, la statistica sull'Italia intera parla di 54 kg per abitante, ma la Liguria si ferma a 52. Provincia di Savona comunque in testa con 60 kg/ab.

Differenziare carta e cartone: la Liguria sotto la media nazionale

La Liguria chiude il 2017 con il segno più per quanto riguarda la raccolta differenziata di carta e cartone con una quantità complessiva che arriva oltre le 84mila tonnellate, mille in più rispetto al 2016 di carta e cartone. Con una crescita dell’1,1% registra il secondo miglior incremento (dopo il Trentino Alto Adige) tra le regioni del Nord Italia. Rimane in ogni caso la regione con il più basso livello di intercettazione dell’area settentrionale con un pro capite di 52,3 chilogrammi, inferiore alla media nazionale che arriva a 54,2 kg/ab. Questi i numeri riportati nel XXIII Rapporto Annuale di Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica.

 

La provincia più virtuosa è quella di Savona con un pro capite che supera i 60 chilogrammi. Crescono in maniera significativa le province di Imperia e La Spezia, rispettivamente del 3,7% e del 7,5%. Mantiene il primato in termini di volumi raccolti quella di Genova (più di 42 mila tonnellate di carta e cartone), ma è anche quella con i maggiori spazi di crescita registrando un pro capite inferiore alle altre province e anche rispetto al dato medio nazionale.

 

La crescita della Liguria nella raccolta differenziata di carta e cartone è un segnale incoraggiante, ma occorre certamente migliorare le performance se si vogliono raggiungere livelli d’eccellenza”, commenta Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. Il consorzio nel 2017 ha gestito il 45,7% della quantità totale di materiale recuperato nella regione, mantenendo il suo ruolo di garante del riciclo e dello sviluppo dei servizi di raccolta. L’ impegno dei cittadini e delle amministrazioni nel separare e raccogliere correttamente carta e cartone si è poi tradotto in più di 3 milioni di euro di corrispettivi economici che Comieco ha destinato ai 117 Comuni liguri convenzionati.”

 

Il dato positivo della Liguria risalta ancora di più se si considera che la situazione in termini di quantità di carta e cartone raccolta nel Nord Italia è rimasta pressoché invariata (-0,1% rispetto al 2016). Il dato medio nazionale cresce invece dell’1,6%, trainato soprattutto dal balzo del 6,1% compiuto nel 2017 dal Sud Italia. Ma c’è ancora parecchio lavoro da fare. Secondo Comieco infatti le tonnellate di carta e cartone in più potenzialmente intercettabili sul territorio italiano sono quasi un milione.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore