/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Polleria,salumeria,praticamente nuova. Affare in blocco o separatamente i singoli pezzi. Cella frigo, forno,...

Trilocale situato in zona tranquilla e servita, a 300 mt. dal mare, arredato e corredato, composto da ingresso,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 23 marzo 2016, 09:25

Campuswave rischia di chiudere, l'appello dei giovani radiofonici: "Sei anni di vita e nessun finanziamento"

A rimetterci sono gli studenti del Campus che dal 22 marzo 2010 hanno lavorato con passione e professionalità nella radio.

“Campuswave”, la radio del Campus di Savona e dell’Università degli studi di Genova rischia di chiudere. Non ci sono i finanziamenti che, come sempre avviene nel panorama italiano, vengono a mancare nella ricerca e nella formazione con gravi perdite nel percorso formativo dei giovani. A rimetterci sono gli studenti del Campus che in questi sei anni hanno lavorato con passione e professionalità nella radio.

“22 Marzo 2010 - 22 Marzo 2016: sei anni di vita della radio e ad oggi nessun finanziamento, nessun sostegno”, questo l’annuncio dei giovani radiofonici sulla pagina Facebook.

“Sei anni immersi nella passione e nella professionalità, nella formazione di radiofonici, redazioni e videomaker. Sei anni di eventi nazionali e provinciali. Sei anni a rappresentare l'Università degli studi di Genova in tutta Italia – affermano - Mentre le web radio universitarie italiane vengono riconosciute con finanziamenti e diverse strutture per continuare il loro lavoro, noi, vincitori della miglior voce tra le web radio delle università, siamo una notizia da newsletter, che cancelli non appena ti arriva nella casella di posta. Dov'è il riconoscimento per tutto il lavoro svolto? Perchè ci nominano "Radio d'Ateneo" se ancora ci chiamano "Campusweb" e non vi è alcun sostegno dall'Università? Se anche tu sei con noi condividi questo post ‪#‎IoStoConCampuswave”.

Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore