/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | lunedì 14 marzo 2016, 09:31

Il pietrese Matteo Poli nel team che porterà l'Europa su Marte alla ricerca di vita

Questa mattina l'accensione dei motori del razzo Proton, sul quale si trovano la sonda che per sette anni resterà nell'orbita marziana e il modulo di discesa dedicato all'astronomo italiano Giovanni Schiaparelli

Il pietrese Matteo Poli nel team che porterà l’Europa su Marte alla ricerca di tracce di vita. Questa mattina alle 10:30 italiane, nella base russa di Baikonur, nel Kazakistan, è prevista l'accensione dei motori del razzo Proton, facente parte della missione ExoMars. Sul veivolo si trovano la sonda che per sette anni resterà nell'orbita marziana e il modulo di discesa dedicato all'astronomo italiano Giovanni Schiaparelli.

Quando la sonda lo rilascerà, in ottobre, il modulo comincerà una spettacolare discesa attraverso l'atmosfera marziana. Sarà il primo veicolo italiano a posarsi su Marte e fa parte del team di costruttori anche il pietrese Matteo Poli. "Mio fratello, spiega la sorella Chiara al telefono, è laureata in Ingegneria elettronica al Politecnico di Torino. Da due anni lavora per la Alenia Aeronautica, impegnata nella missione ExoMars".

"Da tre mesi, progesue la ragazza, Matteo si trova in Kazakistan, nella stessa base militare da dove sono partiti Samantha Cristoforetti e Yuri Gagarin. In questi ultimi due anni ha girato l'Europa, insieme ai colleghi, per progettare e costruire questo modulo di discesa". "La più grande sfida è far sì che la struttura, dal peso di 400 chili, atterri su Marte senza rompersi", conclude Chiara.

Nata dalla collaborazione fra l'Agenzia spaziale europea (Esa) e quella russa Roscosmos, la missione ExoMars e' organizzata in due fasi: la prima partirà questa mattina con la sonda e il modulo Schiaparelli per raccogliere dati su eventuali spie della presenza di vita presente o passata, come il metano, e per dimostrare la capacità dell'Europa di atterrare su Marte.

La sonda consentirà le comunicazioni con la Terra sia in questa prima fase, sia nella seconda fase, prevista nel 2018 con un rover che si spostera' su Marte e ne perforerà il suolo fino alla profondità di due metri con un trapano italiano.

Questa mattina il lancio alle 10:30 italiane da Baikonur, in Kazakhista. La diretta web dal sito ASI: www.asitv.it/media/live_streaming.

Il giovane è molto conosciuto anche a Loano, essendo un membro della banda Santa Maria Immacolata: la mamma Marina, attualmente in pensione, era maestra a Loano, mentre il papà Angelo ha lavorato per le Colonie Milanesi.

 

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore