/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | giovedì 17 marzo 2016, 19:15

"Negozio dei Ricordi" pronto per il 18 marzo: dal Santuario la sfida per la svolta turistica, non solo religiosa

L’inaugurazione, con la nuova gestione della Libreria Paoline di Roberto Fiaschi, era avvenuta ufficialmente lo scorso 6 marzo

Il negozio di Ricordi nella piazza del Santuario è pronto per la Festa Patronale. Il 18 marzo la piazza e la basilica accoglieranno migliaia di fedeli in processione alla Madonna di Misericordia e, dopo due anni di chiusura, troveranno il negozio dei Ricordi nuovamente rinnovato. L’inaugurazione, con la nuova gestione della Libreria Paoline di Roberto Fiaschi, era avvenuta ufficialmente lo scorso 6 marzo alla presenza del vescovo Vittorio Lupi, del presidente delle Opere Sociali Giovanni De Filippi e del rettore del Santuario don Domenico Venturetti. Nell’occasione era stata presentata una medaglia in argento 925 raffigurante la scena tradizionale dell'apparizione mariana con il Beato Botta e nel retro la scritta “Giubileo 2016”. La medaglia è stata realizzata in soli venti esemplari con la consulenza tecnica della ditta “Scultori orafi” e l'originale su cui è stato fatto il calco è infatti un'antica medaglia dei primi del '900.

La riapertura del negozio dei Ricordi rappresenta un momento importante per la frazione, in cui cittadini e commercianti si dichiarano uniti per dare una svolta al Santuario promuovendo il turismo, non solo religioso: “L’apertura del negozio dei Ricordi ha sconvolto la vita della frazione, dimostrando che non si tratta solo di un punto vendita di articoli religiosi, ma un punto di riferimento per il Santuario – afferma Roberto Fiaschi, titolare della Libreria Le Paoline – Recentemente si è svolto un incontro con i commercianti della frazione ed è stata trovata unità di intenti per collaborare insieme nell’ottica di promuovere il turismo, non solo religioso, verso il Santuario. Daremo vita a iniziative e incontri per valorizzare il nostro borgo ed è sbagliato dire che il Santuario è isolato e abbandonato. Si tratta di un pregiudizio oramai diffuso, ma la realtà è un’altra: i cittadini e i commercianti hanno le energie necessarie per risolvere tutti i problemi. E da non dimenticare è il supporto della Diocesi, delle Opere Sociali e del rettore”.

Un punto di partenza per contribuire alla rinascita del complesso del Santuario, secondo Roberto Fiaschi "i cittadini e i fedeli sono i principali responsabili del Santuario, per farlo rinascere tutto dipende da loro e da noi commercianti. Coinvolgere tutti sarà il primo passo per fare rinascere la frazione e con esso il turismo”.

Il negozio il giorno della festa patronale sarà aperto dalle 7 alle 19 mentre in settimana terrà i seguenti orari: il lunedì 9-12, venerdì e sabato 15-18 e domenica 9-12 e 15-18. “Stiamo valutando la possibilità di introdurre persone segnalate dalla Caritas in un progetto di reinserimento lavorativo, per tenere il negozio aperto più ore durante la settimana, afferma Fiaschi.

Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore