/ Cronaca

Affari & Annunci

Propone vendita e noleggio attrezzature: forno trivalente, cuocipasta, cappa, armadio frigo, cucine, lavapiatti, lavello, banco bar, fabbricatore ghiaccio, usati con garanzia 12...

signora referenziata cerca lavoro fisso, astenersi perditempo.Savona

alloggio signorile bipiano mq.170 box soppalco termoautonomo Classe A vendesi, inintermediari. Preferibilmente cell. al mattino

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 15 febbraio 2016, 15:51

Accusato di violenza sessuale nei confronti della sorellastra: il 24enne confessa davanti al GIP

Davanti alle prove schiaccianti, il ragazzo ha scelto di rispondere alle domande del Gip di Savona Fiorenza Giorgi.

E' comparso oggi davanti al GIP di Savona Fiorenza Giorgi il ventiquattrenne accusato di violenza sessuale nei confronti della sorellastra dodicenne.

Davanti alle prove schiaccianti, il ragazzo ha scelto di collaborare, rispondendo alle domande poste dal giudice, confessando cosi alla presenza del pm Giovanni Battista Ferro e del suo legale, l'avvocato Lorenzo Corridoni, di aver abusato della ragazzina. Secondo quanto trapelato, il 24enne avrebbe spiegato che tali atteggiamenti erano dettati dal fatto che lui non considerava la ragazzina come sua sorella. 

I fatti si sarebbero protratti per diverso tempo nell’abitazione di residenza della famiglia nel loanese e i dubbi di erano fatti sempre più insistente nella madre della bambina che, notando delle attenzioni insolite del ventiquattrenne, figlio di primo letto del marito, nei confronti della sorella ha deciso di passare all’azione.

La donna piazzando un telefono cellulare all’interno della stanza dei ragazzi era riuscita a fugare ogni dubbio e a riprendere  il giovane che mostrava  un evidente interesse sessuale  nei confronti della minorenne, interessi sfociati, pare, in atti di vera e propria violenza sessuale.

Immediata, a questo punto, la reazione della madre che ha portato le registrazioni ai Carabinieri i quali hanno segnalato i fatti alla Procura intervenuta immediatamente per allontanare la bambina ascoltarla con il supporto degli psicologi e trarre in arresto il ventiquattrenne detenuto presso il carcere di Sanremo.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore