/ Cronaca

Affari & Annunci

Propone vendita e noleggio attrezzature: forno trivalente, cuocipasta, cappa, armadio frigo, cucine, lavapiatti, lavello, banco bar, fabbricatore ghiaccio, usati con garanzia 12...

signora referenziata cerca lavoro fisso, astenersi perditempo.Savona

alloggio signorile bipiano mq.170 box soppalco termoautonomo Classe A vendesi, inintermediari. Preferibilmente cell. al mattino

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Cronaca | martedì 19 gennaio 2016, 11:56

Aule fredde all’Itis di Savona, gli studenti tornano a casa: intervento della Provincia

In alcune sezioni si raggiungevano a malapena i 15° gradi. Il Preside Gozzi:" L’istituto avrebbe bisogno di manutenzione costante al riscaldamento e agli infissi e andrebbe rammodernato"

Aule “gelate” all’Itis di Savona. Brutta sorpresa per gli studenti dell’istituto  superiore Ferraris Pancaldo: questa mattina, infatti, moltissime aule erano fredde, con la colonnina di mercurio che raggiungeva, a malapena, i 15° gradi. Ancora meno nei laboratori, dove si arrivava a stento a 13°.

Una temperatura veramente bassa per chi deve stare seduto cinque o sei ore di fila, seppur armato di sciarpa e cappello, ad ascoltare la lezione. Per questo motivo il preside Alessandro Gozzi ha accolto la richiesta degli studenti maggiorenni di tornare a casa. “Ai ragazzi che hanno più di 18 anni, commenta il dirigente, è stata data la possibilità di firmare un permesso  per uscire e tornare così alle proprie abitazioni”. I minorenni invece sono dovuti rimanere all'interno dell'istituto.

“Purtroppo, come già accaduto in passato, si è verificato un malfunzionamento all’impianto: i termosifoni in alcuni casi erano freddi o non sufficientemente caldi”.

“ I tecnici della Provincia sono intervenuti immediatamente, ma si tratta un problema molto più ampio che riguarda la scuola. L’istituto avrebbe bisogno infatti di manutenzione costante al riscaldamento e agli infissi e andrebbe rammodernato”, conclude Gozzi.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore