/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | martedì 19 gennaio 2016, 11:56

Aule fredde all’Itis di Savona, gli studenti tornano a casa: intervento della Provincia

In alcune sezioni si raggiungevano a malapena i 15° gradi. Il Preside Gozzi:" L’istituto avrebbe bisogno di manutenzione costante al riscaldamento e agli infissi e andrebbe rammodernato"

Aule “gelate” all’Itis di Savona. Brutta sorpresa per gli studenti dell’istituto  superiore Ferraris Pancaldo: questa mattina, infatti, moltissime aule erano fredde, con la colonnina di mercurio che raggiungeva, a malapena, i 15° gradi. Ancora meno nei laboratori, dove si arrivava a stento a 13°.

Una temperatura veramente bassa per chi deve stare seduto cinque o sei ore di fila, seppur armato di sciarpa e cappello, ad ascoltare la lezione. Per questo motivo il preside Alessandro Gozzi ha accolto la richiesta degli studenti maggiorenni di tornare a casa. “Ai ragazzi che hanno più di 18 anni, commenta il dirigente, è stata data la possibilità di firmare un permesso  per uscire e tornare così alle proprie abitazioni”. I minorenni invece sono dovuti rimanere all'interno dell'istituto.

“Purtroppo, come già accaduto in passato, si è verificato un malfunzionamento all’impianto: i termosifoni in alcuni casi erano freddi o non sufficientemente caldi”.

“ I tecnici della Provincia sono intervenuti immediatamente, ma si tratta un problema molto più ampio che riguarda la scuola. L’istituto avrebbe bisogno infatti di manutenzione costante al riscaldamento e agli infissi e andrebbe rammodernato”, conclude Gozzi.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore