/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 11 gennaio 2016, 12:15

Casa di Testico svaligiata tre volte dai ladri in un mese:"Dormo con l'accetta nel letto: vivo nel terrore"

I ladri si erano introdotti all'interno la prima volta l'8 dicembre, poi nuovamente venerdì 8 gennaio e nella notte tra sabato e domenica

 

“Io dormo con l’accetta nel letto: oramai vivo nel terrore”. A parlare è la signora Maria (nome di fantasia), residente a Testico,  sulla strada che attraversa il paese, che nell’ultimo mese ha subito ben tre furti in abitazione.

Il primo risale allo scorso 8 dicembre. I ladri le sono entrati in casa di notte e, una volta penetrati all’interno, le hanno messo l’abitazione completamente a soqquadro. Aperti e rovesciati per terra i cassetti, con tutto il loro contenuto, così come gli armadi che sono stati controllati uno per uno. Portato via quanto di prezioso è stato trovato, da soldi, all’oro, ai gioielli.  

A distanza di un mese, venerdì 8 gennaio, i malviventi si sono introdotti all’interno del magazzino dell’abitazione della donna, situato a pianterreno, e nella casa della zia anziana, che abita vicino a lei. Quest’ultima ormai non dorme più la notte da sola, perché ha paura dei ladri, e così la signora Maria spesso le fa compagnia.

“Questo weekend, racconta la donna amareggiata e spaventata al telefono, sono andata ad Imperia a trovare dei parenti e quando sono tornata a casa ieri sera mi sono accorta che  i ladri sono entrati per le terza volta”.

“Non hanno forzato la porta di ingresso, prosegue, ma si sono introdotti dalla finestra del primo piano. Avevo la casa nuovamente sottosopra: in questo caso non hanno portato via niente, ma io sono terrorizzata. “Dormo con l’accetta sotto il cuscino per difendermi, ho veramente paura”, conclude la signora.

 

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore