/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Polleria,salumeria,praticamente nuova. Affare in blocco o separatamente i singoli pezzi. Cella frigo, forno,...

macchina fotografica automatica reflex no digitale, Minolta dynax 303si 35/80 con zoom Minolta 75/300 borsa e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | sabato 16 gennaio 2016, 11:15

Esplosione ad Arnasco, identificate le vittime: il video delle macerie

Quattro uomini e una donna sono deceduti questa notte nel crollo di una palazzina a causa di una fuga di gas nella frazione Bezzo

Sono state identificate le vittime decedute questa notte nel crollo di una palazzina a causa di una fuga di gas nella frazione Bezzo nel Comune di Arnasco. Si tratta di quattro uomini e una donna. 

Le vittime sono: Giovanni Ciliberti, 55 anni, nato a Novi Ligure (Alessandria); Marco Vegezzi, 49 anni, nato ad Albenga (Savona); Dino Andrei, 76 anni, nato a Prato; Edoardo Niemen, 71 anni, di Vigone (Torino); Aicha Bellamoudden, marocchina di 56 anni.

La seconda donna invece, cinquantenne di origine sudamericane, risulta essere in condizioni gravissime al centro Grandi Ustioni di Vila Scassi a Genova.

Nella palazzina, un edificio tipico ligure in pietra edificato oltre 100 anni fa e andato completamente distrutto, vivevano tre nuclei familiari. Niemen stava ospitando Ciliberti; Andrei era con la sua compagna marocchina; Vegezzi, dipendente della Asl in servizio all'ospedale di Albenga, viveva in un appartamento con la donna sudamericana, rimasta gravemente ferita.

Sul posto sono intervenuti 20 vigili del fuoco oltre alla squadra della polizia giudiziaria per accertare il perchè della fuga di gas che ha generato l'esplosione con il conseguente crollo dell'edificio, avvenuto dopo le tre della scorsa notte.

Secondo quanto riferito dai soccorritori sul posto, vigili del fuoco, unità cinofile e Carabinieri, tre corpi sarebbero stati ritrovati fuori dalle macerie, invece i rimanenti due sono stati ritrovati ed estratti dalle macerie della struttura che si è completamente disintegrata. Secondo quanto ricostruito, i primi corpi ritrovati, marito e moglie, erano vestiti, tra cui la donna sopravvissuta: tra le varie prime ipotesi, questi potrebbero essere rientrati nella notte, e attraverso l’accensione di un dispositivo (stufa) potrebbero avere innescato lo scoppio. Nella seconda ipotesi invece, le due persone, sentendo odore di gas, potrebbero esserci vestite per scappare. E così è stato ritrovato un altro uomo. L’altra coppia invece, è stata ritrovata, in pigiama, sotto le macerie.

È stata fissata per martedì l'autopsia dei cinque morti, ad occuparsene il medico legale Marco Canepa. 

Guarda il video delle macerie: 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore