/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | sabato 16 gennaio 2016, 09:00

Esplosione di una palazzina ad Arnasco: cinque i morti. Il sindaco: "Una tragedia", aggiornamenti in corso

Sul posto sono in corso gli accertamenti dei soccorsi che stanno cercando altre persone sotto le macerie

Aggiornamento ore 9.55

Sono cinque i morti accertati dai soccorsi: quattro uomini e una donna. Tra loro una coppia, marito e moglie.

Aggiornamento ore 9.30

Risultano essere quattro i morti ritrovati nelle macerie in seguito all'esplosione di una palazzina ad Arnasco. Si tratta di tre uomini e una donna.

 

Due morti, tre dispersi e un ferito grave. Questo il bilancio attuale dell’esplosione di un’intera palazzina ad Arnasco a causa di una fuga di gas gpl. La tragedia è avvenuta intorno alle 3 di questa notte nella frazione Bezzo. Secondo quanto ricostruito, il bombolone di gas gpl esterno alla palazzina sarebbe esploso provocando il crollo della struttura, composta da quattro appartamenti.

Sul posto è stata istituita un'unità di crisi: operano i vigili del fuoco e le unità cinofile e i Carabinieri. Risultano tre gli appartamenti abitati, mentre uno era vuoto: le vittime sono due uomini di tra i 40 e i 50 anni. Invece la donna, cinquantenne di origini sudamericane e compagna di una delle vittime, è stata estratta viva dalle macerie e trasportata all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, in seguito sarà condotta al centro Grandi Ustioni di Vila Scassi a Genova. Sul suo corpo è stato ritrovato il marito che, secondo le prime ricostruzioni, potrebbe averle fatto da scudo. Le palazzine intorno al luogo dell'esplosione sono state evacuate. Risultano esserci tre dispersi e i soccorritori stanno operando con il supporto delle unità cinofile e degli escavatori per ritrovarle.

Sono in corso ulteriori accertamenti e c’è il timore da parte dei soccorritori che ci siano ancora sacche di gas inesplose. Per questo sono state evacuate le palazzine intorno al luogo dell’incidente.

“E' una tragedia, la palazzina si è completamente disintegrata. Dovrebbero esserci altre persone sotto le macerie. Secondo i primi accertamenti, abitavano in sei la palazzina, ma il numero delle persone che vi erano dentro è provvisorio”. A parlare e a fare un primo bilancio dei danni è il sindaco Alfredino Gallizia che afferma: “Le persone decedute sono due uomini di 48 e 55 anni, così anche la donna recuperata. Invece le persone invece ancora da recuperare sono due anziani di 70 e 75 anni”.

L'intero paese è stato svegliato da un fortissimo boato intorno alle 3 ma non solo, a parlare un residente della frazione: “Dopo il boato non abbiamo sentito sirene o altro, a casa mia ho capito della gravità dell’incidente quando ho notato che non funzionava più il gas”.

Il boato è stato avvertito anche a chilometri di distanza: “Io abito a circa due chilometri di distanza dal luogo dell’incidente e nella notte mia figlia ha sentito l’esplosione”, ha spiegato il sindaco.

Debora Geido e Cinzia Gatti

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore