/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 19 febbraio 2016, 07:00

Ritardo nel rilascio di una concessione alla Ferrania Techologies, il comune di Cairo condannato a pagare un milione di euro dal TAR

Nella sentenza il Tar stabilisce che, "se la PA ha aggravato inutilmente i tempi per il rilascio di un permesso nell’ambito di un procedimento amministrativo per una autorizzazione o concessione, deve risarcire il privato per la lesione del proprio interesse legittimo"

Il Tar della Liguria, con sentenza 933/2015, si è espresso accogliendo il ricorso presentato dalla Ferrania Techologies condannando il comune di Cairo Montenotte al pagamento di 919.000 euro, più le spese, come risarcimento per il ritardo della rilascio di una concessione.

Nella sentenza il Tar stabilisce che, "se la PA ha aggravato inutilmente i tempi per il rilascio di un permesso nell’ambito di un procedimento amministrativo per una autorizzazione o concessione, deve risarcire il privato per la lesione del proprio interesse legittimo e il danno causato degli gli atti e comportamenti ritenuti ostruzionistici dal tribunale".

Una sentenza che sembra destinata a estendersi ad altre realtà della regione, a partire dal comune di Ventimiglia, dove è in atto da tempo un contenzioso con il Comune della società Verrando, in merito al rilascio del permesso per  realizzare un parco commerciale in località Bevera, che porterebbe a 200 nuovi posti di lavoro. Molto dipenderà dalle prossime decisioni del Consiglio di Stato attese per il 16 marzo e che potrebbero avere uno strascico di polemiche ancora più forte di quello che si è registrato sino a oggi. Non è esclusa, infatti, la possibilità di una azione di richiesta danni da parte della società ricorrente contro l’amministrazione comunale per il mancato o ritardato adeguamento alle decisioni del Tar.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore