/ Cronaca

Affari & Annunci

Vendo anfibi donna nuovi n 37 nero giardini in pelle morbida colore nero per errato acquisto contatti Carlo 3480599911

Snekeres adidas energy boost.da donna N38 usate una volta per provarle errato acquisto €50 contatti Carlo 3480599911

Vendo trilocale termoautonomo terzo piano con ascensore in Alassio zona ponente composto da ingresso con angolo cottura e zona giorno, due camere matrimoniali, bagno e due ampi...

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 08 gennaio 2016, 10:07

Si fingevano dipendenti dell'Acquedotto e dell'Enel per raggirare anziani: 5 furti in abitazione tra Albisola e Celle

A seguito della perquisizione i militari hanno recuperato una refurtiva da circa 200mila euro

Si presentavano come tecnici del gas e della luce per introdursi nelle case degli anziani. Questa mattina i Carabinieri di Albisola hanno arrestato e portato in carcere quattro nomadi, autori di decine di furti nella zona del levante savonese.

I militari, dopo mesi di indagini, hanno fatto scattare le manette ai polsi per Agazzi Edmai, 25 enne di Mondovì, nel cuneese, Ballarin Evelin 26enne Vezzoso Jiaculin 25enne, entrambe astigiane, e Agazzi Pietro Logan 32enne di Asti. I primi tre risultano incensurati, mentre l’ultimo aveva già precedenti specifici: tutti e quattro sono cittadini italiani di origine nomade sinti.

A carico dei quattro sono stati riconosciuti gravi indizi di colpevolezza, possibilità di reiterazione del reato: dalle indagini è emerso che erano specializzati nelle truffe. I personaggi si introducevano nelle abitazioni delle persone anziane, in particolare, fingendosi tecnici del gas e della luce. Una volta entrati dentro, un complice rubava quanto rinvenuto all’interno, dall’oro ai gioielli, al denaro contante.

Le indagini sono scaturite dalle denunce presentate dalle vittime, che con dovizia di particolari, hanno descritto i fatti. Ai quattro nomadi sono stati addebitati cinque furti in abitazione, ma attualmente sono in corso ulteriori accertamenti per capire se ne siano stati fatti altri non denunciati.

A seguito della perquisizione i militari hanno recuperato una refurtiva da circa 200mila euro. I reati sono stati commessi alla fine del 2014 e i Carabinieri della Compagnia di Savona stanno effettuando degli ulteriori riscontri per capire se siano anche autori delle effrazioni che si sono registrate nell’ultimo periodo tra Albisola e Celle, che tanto hanno allarmato i residenti.

Cinzia Gatti e Debora Geido

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore