/ Curiosità

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Curiosità | venerdì 11 marzo 2016, 08:00

A Finale Ligure una coppia di pinguini gay innamorati

Intervista al creatore di Gus e Waldo, l'llustratore genovese Massimo Fenati:"Ho scelto i pinguini perché si scelgono per la vita. Quando un animale decide che quella sarà la sua compagna restano insieme fino alla fine"

Gus è alto 1,16 m, ama i waffle olandesi, scoppiare il bubble wrap e gli accessori Prada. Odia gli allarmi delle macchine, l'odore dei cani bagnati, gli acari. Ryan Gosling farebbe la sua parte in un film sulla sua vita. Abita con Waldo, il suo fidanzato, che lo tiene sveglio di notte con il suo russare. Waldo ama invece i saldi invernali, filointerdentarsi e fare la marmellata. Gli piace guardare la quarta stagione di “Sex and the City” e l’amore della sua vita è Gus. Gus e Valdo sono due pinguini maschi innamorati, nati nel 2006 dalla penna dell’illustratore genovese Massimo Fenati, che da anni vive a Londra. L’artista ieri è intervenuto in Sala Gallesio a Finale Ligure, ad un incontro organizzato nell’ambito del corso dell’architetto Deborah Ballarò su “Architettura e bellezza” dell’UNI3 di Finale Ligure.

Gus e Waldo sono ispirati a Massimo e al suo compagno Walter, che da oltre vent’anni hanno lasciato Genova per vivere nella capitale inglese.

“Gus e Waldo, spiega Fenati, sono nati per caso. In occasione del nostro anniversario ho regalato a Walter un libro cartonato con una storia che vedeva protagonista i due pinguini. Nascosti sul fondo c’erano due anelli. In un primo momento lui pensava che il regalo fosse il volume, poi ha trovato la sorpresa”.

Il libretto comincia a passare di mano in mano agli amici che suggeriscono a Massimo Fenati di inviarlo alla case editrici. “Così ho fatto, spiega l’uomo, e poi è partito tutto”. Attualmente Gus e Waldo sono diventati un vero fenomeno editoriale, protagonisti di cinque libri e di strisce.

“Ho scelto i pinguini, spiega l’illustratore, perché si scelgono per la vita. Quando un animale decide che quella sarà la sua compagna restano insieme fino alla fine”.

“Volevo raccontare, prosegue Fenati, quello che succede dopo la fase dell’innamoramento iniziale, in seguito al “the end” di un film. Le piccole dinamiche di una coppia che crede nel “per sempre” e ci prova concretamente”. “Ho scelto di rappresentare questo attraverso due pinguini maschi sia perché erano più vicini al mio sentire, sia perché volevo mostrare come i rapporti d’amore fossero gli stessi, indipendentemente dal sesso”, conclude il grafico.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore