/ Politica

Affari & Annunci

Propone vendita e noleggio attrezzature: forno trivalente, cuocipasta, cappa, armadio frigo, cucine, lavapiatti, lavello, banco bar, fabbricatore ghiaccio, usati con garanzia 12...

signora referenziata cerca lavoro fisso, astenersi perditempo.Savona

alloggio signorile bipiano mq.170 box soppalco termoautonomo Classe A vendesi, inintermediari. Preferibilmente cell. al mattino

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Politica | martedì 12 gennaio 2016, 14:45

Furti in abitazione, Ripamonti interviene sul tema sicurezza: "In Italia inadeguatezza normativa: fiducia nelle forze dell'ordine"

Il segretario provinciale della Lega prende in parte le distanze, a nome del partito, dalle affermazioni di Bronda

“Condividiamo la preoccupazione delle persone per questa ondata di furti. Noi siamo dalla parte delle forze dell’ordine, che svolgono bene il loro lavoro: il problema in Italia è di tipo normativo”. Paolo Ripamonti, segretario provinciale della Lega Nord, interviene in prima persona sul tema sicurezza. Nelle ultime settimane nel comprensorio ingauno si è registrato un aumento  di furti, tanto che l’esponente leghista Andrea Bronda oggi è arrivato a dichiarare “Se trovo un ladro in caso io sparo”.

Ripamonti, a nome della Lega Nord savonese, in parte ha voluto prendere le distanze per diversi motivi.”All’intero del Carroccio, come schema gerarchico, non esistono coordinamenti”.

“Come Lega, prosegue l’esponente verde, siamo molto sensibili al tema della sicurezza. In Italia c’è un’inadeguatezza normativa: questo però non vuol dire che si può invitare la gente a sparare. Soprattutto per chi non parla a nome del nostro partito”.

“Noi abbiamo la massima fiducia nelle forze dell’ordine, che svolgono in maniera egregia il loro lavoro. Nel nostro paese però il problema è legato alla legge: la galera deve durare tanto quanto il reato che commetti”.

“Il Matteo, quello sbagliato, dovrebbe fare qualcosa di concreto, anziché twittare”, conclude Ripamonti.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore