/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Politica | venerdì 19 febbraio 2016, 12:44

Il Governo "impugna" il Piano Casa della Regione Liguria

"Alcune disposizioni violano la competenza legislativa esclusiva statale in materia di tutela dell’ambiente e di tutela del paesaggio della Costituzione"

Il Governo ha “impugnato” il Piano Casa della Regione Liguria, durante il Consiglio dei Ministri che si è svolto questa mattina. Dopo le polemiche sollevate nelle scorse settimane dalle opposizioni e dalle associazioni animalisti, la legge regionale accusata di cementificare il territorio e stata stoppata a livello nazionale.

Come si legge sul sito governo.it :” si è deliberata l’impugnativa per la legge della Regione Liguria n. 22 del 22/12/2015, in quanto alcune disposizioni, consentendo interventi edilizi in aree tutelate senza prevedere il necessario rispetto delle procedure previste dalla legge statale e dall’ordinamento comunitario, violano la competenza legislativa esclusiva statale in materia di tutela dell’ambiente e di tutela del paesaggio, di cui all’articolo 117, primo e secondo comma, lett. s), della Costituzione”.

Contestate anche :”Altre disposizioni, riguardanti l’approvazione di  varianti da parte della Regione senza le prescritte autorizzazioni paesaggistiche, violano l’art. 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, che riserva allo Stato la potestà legislativa in materia di tutela del paesaggio”.

Le motivazioni, in sostanza, indicano, che si sono delineati dei profili di incostituzionalità.

 

Una notizia che ha generato una pronta risposta da parte del Governatore della Liguria Giovanni Toti:"Il Governo parla di risolvere i problemi della disoccupazione e della stagnazione economica e poi quando le Regioni lavorano con buon senso, mette i bastoni tra le ruote agli amministratori locali. Proprio non sanno rinunciare a freni e burocrazia ed è per questo che l’Italia non riparte. In questi mesi la sinistra e i signori del no hanno strumentalizzato media e opinione pubblica cercando di impedire l’approvazione di un atto voluto dai liguri e utile al rilancio del lavoro e dell’economia del territorio. Pertanto non ci stupiscono e non ci preoccupano le rilevazioni del Governo che si riferiscono comunque ad aspetti non sostanziali della legge, ma a  richieste  di precisazioni di natura tecnica”.

“L’impugnativa del Governo nei confronti del Piano Casa, prosegue il Presidente, non ha comunque messo in discussione la legge nel suo complesso – aggiunge l’assessore regionale all’Urbanistica Marco Scajola – abbiamo lavorato per mesi, confrontandoci con il territorio e tutte le categorie, facendo un lavoro prezioso, finalizzato a rilanciare una Liguria in ginocchio e a dare speranza a tante famiglie. La demagogia e l’ostilità dei signori del no e della sinistra compatta non fermeranno la nostra volontà di cambiare la nostra regione e di farla uscire dall’immobilismo che l’ha caratterizzata negli ultimi 10 anni. Andremo avanti con senso di responsabilità e determinazione”.

 

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore