/ Savona

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Savona | domenica 24 gennaio 2016, 16:30

Nata in un corpo non suo: la storia di Giulia, che ora si chiama Marco

Ieri era in piazza a Savona per chiedere il riconoscimento delle Unioni civili.

"È stata mia sorella ad accorgersi che ero bisessuale. Io vengo da una famiglia molto bigotta e non è stato semplice capire che, pur essendo nata donna, ero in realtà uomo". A parlare è Marco, all'anagrafe Giulia  (entrambi nomi di fantasia), che ieri era in piazza a Savona per chiedere il riconoscimento delle Unioni civili.

"Quando è iniziato il tuo percorso di cambiamento, per diventare uomo? È iniziato a vent'anni. Fin da piccola sentivo un vuoto da colmare dentro, in qualsiasi modo. La prima a prendere coscienza del fatto che fossi bisessuale è stata mia sorella: ha notto che scambiavo dei messaggi su Facebook con un'altra ragazza, che andavano al di là dell'amicizia. Per lei non è stato facile accettarlo, veniamo da una famiglia "bigotta". Mia madre, però, una volta che ha scoperto tutto, mi ha sempre appoggiato, mentre mio padre ancora ora non sa nulla. È difficile spiegargli che voglio diventare uomo".

"Quando è arrivata però la percezione che qualcosa doveva e poteva cambiare? La prima sensazione si è manifestata verso i 15-16 anni, ma la reale consapevolezza è arrivata attorno ai 18 anni quando ho iniziato a frequentare le discoteche per omosessuali a Milano. Vedevo i ragazzi e non volevo corteggiarli, ma desideravo avere le loro fattezze e i loro modi. Due anni fa sono stata al gay pride e vedo questo ragazzo bellissimo che balla sul palco. Io ero vestita con una gonna a balze rosa confetto. Un mio amico, vedendo la mia espressione, mi ha detto di farmi avanti e gli ho risposto:"Così non ci provo neanche morto". Ed è stato allora che ho capito cosa c'era che non andava, da dove aveva origine il mio malessere. Ero già seguito da una psicologa e da lì è iniziato il percorso".

"Come si traduce materialmente il cambiamento? Mercoledì ho chiuso definitivamente con Giulia, con il mio passato: ho capito che non sarei più tornata indietro per nessuno. Il 5 febbraio ho la prima visita per iniziare a prendere gli ormoni. È molto difficile qui in Provincia, anche perché è molto più frequente il caso di un uomo che sceglie di diventare donna, che viceversa. Non vedo l'ora di togliermi il seno: chi ci è passato prima di me dice che poi è più facile andare d'accordo col proprio corpo".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore