/ Ambiente e Natura

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Ambiente e Natura | 08 marzo 2014, 07:34

E' stato soccorso dai volontari della Protezione Animali savonese il primo merlo nidiaceo caduto da un nido introvabile

Questo inverno si conferma quindi essere stato quasi una primavera, magari poco luminosa ma ben temperata ed umida

E' stato soccorso dai volontari della Protezione Animali savonese il primo merlo nidiaceo caduto da un nido introvabile

E' stato soccorso dai volontari della Protezione Animali savonese il primo merlo nidiaceo caduto da un nido introvabile, in Corso Bigliati ad Albissola Mare (SV); un identico soccorso è stato compiuto lo stesso giorno a Trieste, sempre dai volontari dell’ENPA.

 Il piccolo volatile ha circa un mese di vita ed è quindi nato a fine gennaio; ma l'uovo è stato deposto e covato per circa tre settimane e, quindi, è stato deposto intorno all'Epifania, periodo normalmente non idoneo agli amori ed alle nidificazioni degli uccelli indigeni europei sul territorio; da aggiungere che la scarsa luminosità diurna non stimola gli appetiti riproduttivi e, oltre a ciò, la breve durata del giorno nuoce alla possibilità di corretta nutrizione dei nidiacei; infatti in aprile ci sono 12 ore di luminosità e di ricerca del cibo per i piccoli, in febbraio le ore sono 8 ed, i piccoli (un nido di solito ne ha quattro) rischiano quindi scarsa nutrizione e crescita stentata; ed inoltre i lombrichi, loro cibo, d'inverno non vengono alla superficie del terreno, salvo piogge abbondanti e scarso freddo, come avvenuto.

Questo inverno si conferma quindi essere stato quasi una primavera, magari poco luminosa ma ben temperata ed umida; tanto da aver indotto gli uccelli ad un anticipo della stagione degli amori, addirittura a stagione venatoria ancora aperta e quindi in contrasto con la norma europea che proibisce ogni forma di caccia nei periodi riproduttivi e di cura della prole della fauna selvatica. Naturalmente non se ne sono accorti, o forse sì, gli enti (Regione e Provincie) che dovrebbero gestire l’esercizio della caccia non in favore sempre e soltanto dei cacciatori ma come attività secondaria alla tutela della fauna. Ma questi, in una repubblica fondata sulla caccia e sulla pesca, sono ragionamenti da marziani.

 

cs

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium