/ Varazzino

Varazzino | 06 febbraio 2015, 09:10

I profughi del centro Accoglienza di Varazze diventano volontari della Cri

Approvata ieri, nel corso della Giunta, la Convenzione tra CRI e Comune di Varazze

I profughi del centro Accoglienza di Varazze diventano volontari della Cri

 

Nella  seduta della Giunta Comunale  del  5 febbraio è stata approvata la convenzione che regola l’adesione di volontari attualmente ospiti presso il Centro di accoglienza temporanea di Varazze. La convenzione tra Comune e CRI Croce Rossa Italiana - Comitato Provinciale di Savona  che gestisce il centro, prevede l’impiego su base volontaria non retribuita, di stranieri richiedenti asilo politico  per l’ effettuazione di piccoli lavori di pubblica utilità consistenti ad esempio in manutenzione di panchine, dei giardini, di viali e parchi comunali, compreso lo spazzamento di strade, viali, piazze, secondo un programma/progetto più dettagliato che sarà predisposto dall'ufficio tecnico comunale. In ogni caso le attività dovranno principalmente inserirsi nel contesto delle attività e dei servizi rivolti alla collettività che  non richiedono specializzazione e comunque secondo le capacità, attitudini, professionalità e intenzioni del migrante.

Le attività oggetto non prevedono erogazione di contributi economici specifici a carico del Comune di Varazze e a favore della Croce Rossa Italiana né al Centro di Accoglienza di Varazze .

La Croce Rossa Italiana – Centro di Accoglienza di Varazze si è impegnata alla formazione dei migranti affinché possano svolgere la prestazione lavorativi richiesta, con un’adeguata copertura assicurativa per la responsabilità civile verso terzi e contro gli infortuni. E’ prevista inoltre l’effettuazione della eventuale visita medica preventiva di idoneità lavorativa del migrante con possibilità di utilizzo della convenzione in essere tra il Comune e la ASL n. 2 con relative spese a carico della stessa Croce Rossa.

L’accordo  approvato  ha durata trimestrale e potrà essere  rinnovato per uguale periodo ove non intervenga disdetta da una della parti contraenti o venissero a mancare i presupposti di permanenza dei migranti sul territorio italiano.

 

“E’ un accordo che è frutto di una stretta collaborazione tra Comune , Croce Rossa Italiana e Prefettura che ringrazio e che credo indirizzi nella giusta direzione per creare un legame tra la Comunità che ospita il Centro di accoglienza temporanea  e gli stessi cittadini stranieri che richiedono asilo politico – ha dichiarato il sindaco Alessandro Bozzano – e  crediamo  che rendersi utili alla collettività sia un modo per avviare un’integrazione e comunque una coesistenza poggiata sul  reciproco aiuto. Si tratta in definitiva di una scelta intelligente per dare più dignità e significato all’attesa dell’esito della richiesta da parte di questi cittadini stranieri. Tale iniziativa sarà solo di puro volontariato”

 

c.s.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium