/ Cronaca

Cronaca | 17 agosto 2015, 12:00

Salme che nessuno vuole: il limbo di Zinola a Savona

In Italia ogni anno i cadaveri non identificati sono circa 1250, ma in alcuni casi ad essere lasciati per molto tempo nelle celle anche i corpi di anziani senza famiglia

Salme che nessuno vuole: il limbo di Zinola a Savona

Salme dimenticate oppure cadaveri di cui si ignora l’identità. Corpi che per mesi rimangono all’interno delle celle della camere mortuarie del cimitero di Zinola a Savona o degli ospedali, fino a quando il Comune dove è stato rinvenuto il morto non dà loro una degna sepoltura.

In Italia i cadaveri non identificati ogni anno sono circa 1250. Uomini, donne, migranti, anziani, persone che si sono suicidate oppure senza tetto per i quali per mesi, nei casi più gravi per anni, non esiste una tomba su cui qualcuno vada a piangere.

Tanti John Doe, per usare l’appellativo americano che indica una persona la cui identità è sconosciuta, oppure salme che nessuno vuole. Anziani senza famiglia, ad esempio. Capita in tutta Italia, così come al cimitero di Zinola a Savona, dove alcuni corpi hanno riposato per mesi all’interno delle celle frigorifero. Salme che nessuno vuole.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium