/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 25 gennaio 2019, 18:00

Savona, perquisizioni in Ata: l'Ad De Benedetti non esclude un passo indietro

Nella giornata odierna, blitz della Guardia di Finanza sia nella sede dell'azienda che nelle abitazioni dei dirigenti e consulenti della stessa

Savona, perquisizioni in Ata: l'Ad De Benedetti non esclude un passo indietro

"Appena usciamo dalla sede, incontreremo il sindaco e gli assessori e rimetteremo il mandato". Una voce visibilmente provata quella dell'amministratore delegato di Ata Matteo De Benedetti dopo la giornata convulsa che ha visto coinvolto la partecipata comunale, dalla perquisizione della Guardia di Finanza sia nella sede dell'azienda che nelle abitazioni dei dirigenti e consulenti della stessa. 

Le perquisizioni si sono rese necessarie per acquisire ogni documentazione utile allo scopo di ricostruire le modalità di assegnazione di alcuni incarichi da parte di ATA nel corso del 2018 a società di consulenza, e la conformità di tali assegnazioni alle procedure di evidenza pubblica disciplinate dal codice degli appalti.

Sono state contestualmente notificate informazioni di garanzia per i reati di cui agli arti. 353 cp (turbata libertà degli incanti) e 353 bis cp (turbata libertà del procedimento di scelta del contraente): si tratta di ipotesi di reato su cui sono necessari doverosi approfondimenti, con le previste garanzie di legge, mediante l'esame e la verifica della documentazione acquisita.

L'ad De Benedetti e il presidente Alessandro Garassini dopo un articolato percorso giudiziario avevano ottenuto dal Tribunale l'ammissione al concordato preventivo, ma gli sviluppi di quest'oggi potrebbero portare a un clamoroso passo indietro.

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium