/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 05 novembre 2019, 12:30

Tragedia di Quargnento, i colleghi ricordano Antonino Candido: "Dedito al lavoro e ai vigili del fuoco"

L'omaggio di Samuel Venturino, tra coloro che hanno lavorato al fianco di Nino Candido a Villanova d'Albenga: "Una persona solare, che amava fortemente la sua professione"

Tragedia di Quargnento, i colleghi ricordano Antonino Candido: "Dedito al lavoro e ai vigili del fuoco"

La tragedia dovuta all'esplosione di un casolare disabitato a Quargnento (leggi QUI), in provincia di Alessandria, tocca purtroppo da vicino anche la nostra provincia e in particolare il distaccamento dei vigili del fuoco di Villanova d'Albenga dove aveva prestato servizio una delle tre vittime: il 32enne Antonino Candido.

Un giovane che nella sua permanenza in terra ingauna, durata oltre 6 mesi, ha lasciato un ricordo più che positivo tra i colleghi: "Una notizia per cui non ce ne facciamo ancora una ragione - spiega Samuel Venturino, tra coloro che hanno lavorato al fianco di 'Nino', con la voce rotta dalla commozione - era una persona solare, sempre sorridente, che amava fortemente il suo lavoro. Aveva prestato servizio a Villanova d'Albenga, dopodiché si era trasferito nell'Alessandrino con la moglie e i loro due cani: era sposato da poco".

"Quello che posso dire di lui è che provava un grande amore per i vigili del fuoco - conclude Venturino - era veramente un lavoratore molto in gamba, che dava tutto per il suo lavoro e che anteponeva la sua professione a tutto. Non saprei descriverlo meglio".

Roberto Vassallo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium