/ Albenganese

Albenganese | 16 gennaio 2020, 12:17

Anche il Giordano Bruno di Albenga parteciperà il 17 gennaio alla "Notte Nazionale del Liceo Classico"

Per il quarto anno consecutivo l'istituto ingauno prende parte all'iniziativa in favore della promozione degli studi classici e della comprensione delle nostre radici culturali

Anche il Giordano Bruno di Albenga parteciperà il 17 gennaio alla "Notte Nazionale del Liceo Classico"

Venerdì 17 gennaio 2020 il Liceo “Giordano Bruno” di Albenga parteciperà per il quarto anno consecutivo alla “Notte Nazionale del Liceo Classico”, offrendo il proprio contributo per una importante manifestazione che coinvolge istituti di tutto il territorio nazionale in favore della promozione degli studi classici e della comprensione delle nostre radici culturali.

Proprio per questo il tema scelto per le attività da parte della scuola è quello delle “radici”, nei molteplici significati (storici, naturalistici, etnologici, scientifici, linguistici) che il termine può assumere.

Alle ore 18, nell’Aula Magna della sede di via Dante, si terrà una tavola rotonda dedicata alla presentazione del saggio storico Roma repubblicana. Una storia in quaranta vite, edito nei mesi scorsi da Carocci e firmato da Federico Santangelo, docente presso l’Università di Newcastle. L’autore, che sarà presente, racconterà la sua particolare scelta di affrontare la narrazione storica attraverso quaranta brevi biografie di personaggi dell’antica “società civile”, offrendo un quadro vivo del mondo latino, cui si intervalleranno i “contrappunti” di docenti e allievi del Liceo, volti a mettere in luce antecedenti greci ed eredità contemporanee di alcune delle figure trattate, in un incastro appunto di radici culturali affrontate con spirito originale ma non irriverente.

Dopo una pausa in cui si potranno gustare assaggi di specialità gastronomiche confezionate con radici già adoperate nella cucina classica, le aule del terzo piano diventeranno la scena di un percorso itinerante fra spettacoli teatrali, giochi enigmistici e attività diverse nelle quali gli studenti mostreranno ai visitatori – in obbedienza al principio del delectare docendo, insegnare divertendo – un susseguirsi di sorprese su curiosità e peculiarità di un mondo così lontano nel tempo e così perennemente vicino nella sensibilità: la vera radice che dà un significato all’esistenza di tutti noi. Il gioco delle statue, le profezie della Pizia, le proprietà della Mandragola, la Cryptomania e altre speciali trovate faranno da guida a un percorso vario, fantasioso, sempre nuovo forse proprio perché antico.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium