/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 02 marzo 2020, 13:45

Dalla protesta alla proposta, il consigliere regionale Vaccarezza: "Perchè non richiedere una Zes per Alassio?"

La misura potrebbe riconoscere semplificazioni sul piano burocratico, agevolazioni imprenditoriali ed il taglio di alcune tasse

Dalla protesta alla proposta, il consigliere regionale Vaccarezza: "Perchè non richiedere una Zes per Alassio?"

"La situazione sul Covid-19, il Coronavirus, è tenuta costantemente sotto controllo dagli addetti ai lavori, che non finirò di ringraziare per quanto fanno e faranno. Come tutti ben sapete, da diverse ore il Governatore della regione Giovanni Toti è al lavoro per cercare di ottenere nella provincia di Savona un applicazione del Dpcm più rispettosa possibile della situazione del territorio".

Annuncia così una sua iniziativa a sostegno del territorio alassino il consigliere regionale del gruppo "Cambiamo!" Angelo Vaccarezza. La scoperta di alcuni casi di contagio del virus nella città del Muretto rischia infatti di avere alcune ricadute sul turismo in tutta la provincia, in alcune località nello specifico.

"In questa situazione estremamente delicata - afferma Vaccarezza - ieri pomeriggio ho riflettuto molto ed ho ritenuto doveroso confrontarmi con alcuni rappresentanti della città di Alassio. Alassio è la comunità che più di tutti sta vivendo momenti decisamente critici, mentre la situazione sanitaria si sta risolvendo quella legata all’immagine e al futuro economico della città del Muretto rischia di creare danni incalcolabili".

Da qui l'iniziativa del consigliere: "Ho così contattato Lucia Leone, presidente di 'Viviamo Alassio' per pensare a quali azioni concrete mettere in atto. Una possibile soluzione potrebbe essere proprio la creazione di una ZES, ossia la creazione di una Zona Economica Speciale in cui, per motivi specifici legati al territorio, lo Stato riconosca alcune semplificazioni sul piano burocratico, alcune agevolazioni imprenditoriali e qualche taglio di tasse".

"È una misura che in Italia è già stata sperimentata in Puglia. È pensata per dare un vantaggio competitivo ad aree che, per mille ragioni, stanno attraversando un periodo più o meno strutturalmente complesso" spiega nel dettaglio Vaccarezza.

"Mercoledì mattina, insieme a Lucia Leone, incontrerò Carlomaria Balzola, presidente di Assoristobar: insieme a loro verificherò le modalità, i requisiti e le tempistiche per mettere in atto l’iter di riconoscimento della ZES che, se andasse in porto, darebbe una sicura boccata di ossigeno agli operatori, consentendo un più facile ritorno alla vita di tutti i giorni" conclude con la nota l'ex sindaco di Loano annunciando un più ampio coinvolgimento della sua iniziativa.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium