/ Politica

Politica | 28 marzo 2020, 09:40

Varazze, la minoranza guarda al domani: "Ragionare sul lungo periodo"

"La nostra attenzione a chi più soffre la situazione ed il suo protrarsi. Pronti a confrontarci e a dare un aiuto anche pratico"

Varazze, la minoranza guarda al domani: "Ragionare sul lungo periodo"

"La condizione di quarantena che tutto il Paese e la nostra città vivono, purtroppo non avrà breve durata. La data del 3 aprile verrà prorogata e non sappiamo quando potranno essere allentate le maglie di queste condizioni che, come abbiamo ben compreso, ci permettono di proteggerci dal contagio e di far in modo che il nostro sistema di assistenza sanitaria, seppure allo stremo, non lasci per terra nei corridoi degli ospedali le persone come abbiamo visto accadere in altre realtà europee".

E' il gruppo consiliare "Vola Varazze" a partire da queste premesse e fare il punto su quella situazione attuale a fronte dell'emergenza Coronavirus, e quali sono le prospettive future una volta terminata. 

"Quando una situazione straordinaria come questa si protrae nel tempo e non se ne conosce il termine - continua il gruppo rappresentato da Paola Busso - va governata e vanno messi in atto sistemi di riorganizzazione, in una città come la nostra questo compito spetta all’Amministrazione tutta e al Sindaco in prima persona come coordinatore".

Prosegue la nota: "La nostra attenzione è rivolta a chi più soffre di questa situazione e del suo protrarsi: le persone anziane che vivono in condizione di solitudine; le famiglie che hanno visto cessare le loro attività e quindi non hanno introiti economici eppure debbono mangiare e pagare le bollette, le famiglie monogenitoriali che si ritrovano con un carico emotivo e pratico di responsabilità e compiti non indifferenti. A queste persone la nostra città deve prestare attenzione massima e, non me ne vogliano coloro che le organizzano e coloro che vi partecipano, non bastano canti dai balconi o festival musicali organizzati sul web".

Una richiesta è già stata formulata al primo cittadino Bozzano: "Al Sindaco, come gruppo Consigliare, abbiamo formalmente chiesto com’è organizzato il sistema di spesa a domicilio, quante persone serve e se è funzionale e rispondente alle esigenze dei nostri anziani, abbiamo lanciato la proposta di coordinare le disponibilità dei vari negozi di portare la spesa a domicilio in modo che chiunque possa trovare un elenco ufficiale anche sul sito del Comune, abbiamo lanciato la proposta di una colletta alimentare presso i nostri supermercati cioè chi può compra dei beni di prima necessità e li lascia in un apposito spazio a disposizione di coloro che hanno problemi a dar da mangiare alla propria famiglia. Ricordiamoci che molte persone per varie ragioni non possono accedere alla cassa integrazione in deroga e ad altri sistemi di tutela".

"A questo punto però vogliamo sapere dal Sindaco a che punto siamo su questo fronte, deve organizzare tutte le forze preposte ed i volontari: Protezione Civile, Caritas, San Vincenzo, CRI e, perché no, Scout e cittadini comuni per mettere in atto il miglior servizio possibile per i cittadini più in difficoltà e sappiamo che ce ne sono. Non ha risposto alle istanze del nostro gruppo, ma ai cittadini deve rispondere. Noi siamo pronti, come già detto, a confrontarci (i mezzi tecnologici per farlo ci sono) e a dare tutto il nostro aiuto, anche pratico, in un momento in cui bisogna essere uniti a disposizione della nostra comunità" concludono dalla minoranza.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium