/ Attualità

Attualità | 31 marzo 2020, 12:30

Savona si ferma come tutta Italia, in Piazza Sisto e piazza Mameli bandiere a mezz'asta e minuto di silenzio (FOTO e VIDEO)

In tutti i comuni italiani sono state ricordate le 11.591 vittime del Coronavirus. Le immagini del minuto di raccoglimento nei comuni del levante savonese (da Varazze a Bergeggi)

Savona si ferma come tutta Italia, in Piazza Sisto e piazza Mameli bandiere a mezz'asta e minuto di silenzio  (FOTO e VIDEO)

Un cerchio con la distanza di più di un metro tra una persona e l'altra ma unito nel ricordo delle 11.591 vittime del Coronavirus in Italia.

In Piazza Sisto a Savona il sindaco Ilaria Caprioglio insieme a tutti i membri della sua giunta e i volontari della Croce Rossa Savonese hanno formato un cerchio e si sono fermati per onorare le persone che purtroppo in questa difficile emergenza non ce l'hanno fatta.

In Piazza Mameli un nutrito numero di agenti della polizia locale davanti al Monumento ai Caduti ha osservato il minuto di raccoglimento.

Non è mancato anche l'applauso finale dei cittadini che si sono uniti alla commemorazione nazionale.

In tutti i comuni del savonese i sindaci si sono uniti al momento di cordoglio. 

Nelle foto in allegato i primi cittadini del levante savonese. Alessandro Bozzano, Varazze; Maurizio Garbarini, Albisola Superiore; Monica Giuliano, Vado Ligure. Nei video i sindaci Gianluca Nasuti di Albissola Marina e Caterina Mordeglia di Celle Ligure, davanti al palazzo comunale e la Croce Verde di Albisola davanti alla sede.

 

Una decisione presa da Anci e comunicata dal suo presidente Antonio Decaro, sindaco di Bari, sul proprio profilo Twitter ed in una lettera indirizzata a tutti i suoi colleghi italiani: "Martedì 31 alle 12 bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio osservato dai sindaci d'Italia con la fascia tricolore davanti al proprio Comune. Per ricordare le vittime del Coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciarci idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro, come sappiamo fare noi sindaci”.

“Come succede sempre nelle grandi emergenze - continua quindi Decaro nella sua missiva - noi sindaci, destinatari e custodi delle preoccupazioni dei cittadini e delle loro comprensibili angosce, siamo sottoposti alla forte pressione di avere la responsabilità di una comunità intera. Lo sconforto, che pure avvertiamo, non deve prevalere. Reagiamo con forza per trasmettere fiducia e speranza. Osserviamo il minuto di silenzio in segno di lutto per tutte le vittime e in segno di solidarietà per le comunità che stanno pagando il prezzo più alto”.

Un pensiero dal primo cittadino del capoluogo pugliese, a nome di tutti i sindaci rappresentati, è andato poi alla provincia maggiormente colpita dall'emergenza sanitaria nel nostro Paese: "Ci uniamo al presidente della Provincia di Bergamo in segno di lutto per le tante vittime dell'epidemia".

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium