/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 02 aprile 2020, 13:31

Confsal Pesca: "Bene non paralizzare le imprese ittiche liguri e comunicare come si può continuare a lavorare in emergenza"

"Sapere che si può effettuare la consegna dei pasti a domicilio aiuta ad andare avanti ed incoraggia tutto il comparto a non fermarsi"

Confsal Pesca: "Bene non paralizzare le imprese ittiche liguri e comunicare come si può continuare a lavorare in emergenza"

"Un aiuto concreto al settore ittico anche in emergenza covid19 significa mettere nelle condizioni giuste imprese o singoli lavoratori non paralizzando completamente il commercio, ma rendendolo attivo nel pieno rispetto delle norme igieniche e sanitarie": è quanto fanno sapere dalla Confsal Pesca dopo che l'assessore regionale Stefano Mai ha chiarito che le indicazioni igienico-sanitarie di Alisa autorizzano le imprese ittiche, che effettuano la vendita diretta, alla consegna del pescato a domicilio.

"Bene ha fatto Mai a darne comunicazione, - prosegue la nota di Confsal - bisogna far conoscere come si può continuare a lavorare non perdendo mai di vista l'obiettivo comune di fronteggiare l'emergenza sanitaria; sapere che si può effettuare la consegna dei pasti a domicilio senza dover presentare ulteriore notifica sanitaria, purché ci si attenga alle indicazioni igienico sanitario come nel caso dell'ittiturismo, aiuta ad andare avanti ed incoraggia tutto il comparto a non fermarsi, ed anzi a convertirsi totalmente al delivery almeno in questa fase pandemica in corso; anche in questo modo si sostengono e si rinfrancano imprese e lavoratori".

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium