/ Attualità

Attualità | 07 aprile 2020, 12:36

Calice, il sindaco Comi predica l'osservanza delle regole: "Teniamo duro. Usate il cervello ed accendete il buon senso"

Un invito ai turisti: "Condividiamo l'amore per questi luoghi, ma evitateli per il momento". Fino al 13 aprile interdette le aree pubbliche più frequentate

Calice, il sindaco Comi predica l'osservanza delle regole: "Teniamo duro. Usate il cervello ed accendete il buon senso"

E' un appello accorato a tenere duro e continuare a rispettare le regole quello che nella mattinata il sindaco di Calice Ligure, Alessandro Comi, ha voluto rivolgere a tutta la cittadinanza attraverso la pagina Facebook del Comune.

"Questo periodo dell'anno è da sempre stato una sorta di anticipo d'estate per tutti - esordisce Comi - e quest'anno in particolare pare che il meteo, in maniera quasi beffarda, ci sfidi ad uscire con un sole caldo ed una luce invitante. Purtroppo un'emergenza sanitaria di estrema gravità ci costringe, per il nostro ed altrui benessere, almeno per ora a restare in casa ed a limitare i contatti con l'esterno".

"Ci viene chiesto, per noi stessi ma anche per la salute altrui, ed ancora di più per rispetto di coloro che affrontano questa emergenza con il loro lavoro, siano essi medici infermieri o volontari, e sopratutto affinché prima possibile tutti insieme si possa uscire da questa situazione emergenziale e tornare alle nostre abitudiniChiediamo a tutti i nostri cittadini di tenere duro e di continuare a limitare i loro spostamenti ed ai più giovani di fare un ulteriore piccolo sforzo e di evitare le scampagnate tanto attese in questo periodo" continua il primo cittadino sul noto social network.

La chiamata al rispetto delle norme per contenere il contagio viene rivolto poi a chi possiede seconde case nel Comune dell'entroterra finalese: "Queste settimane sono da sempre state per coloro che scelgono le nostre zone come luogo di vacanza il periodo prescelto per preparare le proprie residenze al periodo estivo e l'occasione per affollare con gioia i nostri comuni. Siamo lieti che molti abbiano scelto di passare qui una parte così importante della loro vita e condividiamo volentieri con tutti loro l'amore che ci lega a questi luoghi. Mi appello proprio a questo chiedendo loro di rispettare le normative vigenti e ad usare il buon senso, che prima delle normative dovrebbe funzionare, evitando di raggiungere i loro luoghi di vacanza, almeno per ora".

"L'amministrazione comunale si troverà costretta a segnalare alle autorità di polizia ogni presenza non opportuna - precisa Comi - o autorizzata all'interno del territorio di Calice Ligure e a dare formale riscontro ad eventuali segnalazioni ricevute".

"Aiutateci a non mettere in atto iniziative che avrebbero conseguenze pesanti a livello sanzionatorio e penale. Usate il cervello ed accendete il buon senso" conclude la nota.

Insieme a queste parole è arrivata poi un'ordinanza di interdizione ad alcune aree pubbliche su tutto il territorio comunale. Tra queste vi sono i luoghi più frequentati per i classici "merendini" di Pasquetta come le aree di Pian dei Corsi, tra la strada che conduce in località Cravarezza e l'ex base americana, quelle in località Madonna delle Grazie, San Rocco, San Giuseppe e Santa Libera, lo sferisterio, compresi i campi da tennis e le aree della scuola comunale ed infine l'area presso il Santuario di Madonna della Guardia.

Sono stati chiusi, sempre fino al 13 aprile prossimo, i due cimiteri comunali di Carbuta e di Calice Ligure ed i giardini comunali di piazza Massa e di via Trattati di Roma.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium