/ Politica

Politica | 22 maggio 2020, 13:14

Finale, diffida al consigliere Cileto. Il gruppo 'Le Persone al Centro': "Azione senza precedenti"

I consiglieri Gualberti e Fasciolo si schierano a difesa della collega di opposizione: "Un consigliere comunale come dovrebbe interpretare una sostanziale diffida a non svolgere la propria funzione?"

Finale, diffida al consigliere Cileto. Il gruppo 'Le Persone al Centro': "Azione senza precedenti"

"Almeno dalla Rivoluzione Francese e dalle teorie illuministe ci sono alcune cose che non possono accadere all’interno di un’Assemblea elettiva: non si può accedervi armati ed essa è sovrana". Comincia così la difesa della consigliere Cileto da parte del gruppo 'Le Persone al Centro' dopo la diffida ricevuta nei giorni scorsi. 

"E’ la forza degli argomenti a stabilire i contorni della libertà di espressione ed essa può estendersi fino al limite della verità e della decenza. Come mai sarebbe consentito l’uso della forza per affermare le proprie idee, mai sarebbe possibile impiegare falsi o trivialità per esprimere le proprie opinioni" puntualizzano.

"Il Consiglio comunale rappresenta l’intera Comunità, è il luogo del libero confronto tra le varie idee e sono regole democratiche a stabilire quale di esse debbano prevalere. Tra le regole è prevista anche la presenza di un funzionario, un tempo strumentale ad affermare la centralità dello Stato, deputato a certificare la regolarità delle operazioni e a fornire l’assistenza amministrativa quando essa risulti necessaria. Un consigliere comunale che esprima il proprio pensiero, senza scadere nella falsità o trivialità, ha ogni diritto di poterlo fare liberamente e senza condizionamento alcuno, perché ciò rappresenta l’essenza stessa della Democrazia" aggiungono quindi.

"Noi eravamo presenti quando il consigliere Tiziana Cileto ha rappresentato la propria posizione - spiegano i consiglieri Fasciolo e Gualberti -, richiedendo si tornasse alla redazione in videoscrittura del verbale della Commissione da lei presieduta, in luogo della scrittura manuale, per ragioni legate alla comprensione del testo e all’eventualità di applicare correzioni. Lo ha fatto senza citare persone, senza impiegare un linguaggio offensivo oppure affermando circostanze false. Ha insomma espresso una sua legittima opinione. Spiace che un funzionario possa essersi sentito offeso da un’osservazione così banale, o forse dal breve dibattito che ne è scaturito, ma ancor di più che abbia scelto la strada di una diffida inoltrata a mezzo del legale di fiducia".

"Un consigliere comunale come dovrebbe interpretare una sostanziale diffida a non svolgere la propria funzione? In uno Stato di diritto il funzionario potrà  far valere le proprie ragioni nelle sedi che riterrà più opportune, ma in molti oggi si domandano se il Consiglio comunale potrà mantenere  la serenità necessaria per adempiere al proprio ruolo" commenta la nota.

"Spesso abbiamo assistito a confronti anche aspri tra le varie parti politiche, ma mai nel Comune di Finale Ligure si era mai verificato un episodio del genere. Il consigliere Cileto, pur nelle differenze politiche che ci hanno visto avversari nelle scorse consultazioni, in questo caso ha ragione da vendere e siamo pronti a sostenerla in ogni iniziativa che vorrà intraprendere" conclude il gruppo di minoranza.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium