/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 28 maggio 2020, 11:52

La richiesta dei sindaci: "Dal 1 luglio riapertura completa dell'ospedale di Cairo"

"Pensiamo sia una richiesta legittima e rispettosa delle aspettative di tutti i cittadini della nostra valle" aggiungono i primi cittadini di Cairo, Bormida, Calizzano, Cengio, Dego, Giusvalla, Mallare, Mioglia, Osiglia, Pallare e Piana Crixia

La richiesta dei sindaci: "Dal 1 luglio riapertura completa dell'ospedale di Cairo"

Riapertura completa dell'ospedale “San Giuseppe” di Cairo Montenotte a partire dal 1 luglio. Questa la richiesta dei sindaci di Cairo Montenotte, Bormida, Calizzano, Cengio, Dego, Giusvalla, Mallare, Mioglia, Osiglia, Pallare e Piana Crixia. 

"Il graduale percorso verso la normalità, iniziato con la “Fase 2” permette anche la relativa valutazione del ritorno alla normale attività per tutti i servizi dell’Ospedale cairese, centro di assistenza sanitaria di primaria importanza per i 40000 cittadini della Val Bormida, un’area già in difficoltà per l’estensione e le caratteristiche di complessità orografica" si legge nella lettera inviata dal sindaco di Cairo Paolo Lambertini al presidente della Regione Giovanni Toti, all'assessore regionale con delega alla Sanità Sonia Viale, al commissario straordinario Alisa Walter Locatelli e al Commissario straordinario e Direttore Asl 2 Paolo Cavagnaro.

"La risposta dei cittadini cairesi alle riaperture di queste settimane è positiva, tranne qualche rara eccezione, nel rispetto delle regole indicate per il contenimento del contagio; i numeri relativi alla diffusione del virus sono in costante miglioramento, come la conseguente pressione sugli ospedali - prosegue - Ritengo condivisibile la prudenza messa in campo fino ad ora da parte di chi come Voi è chiamato a gestire e organizzare l’apparato sanitario della nostra provincia al fine di dare la migliore risposta a tutti noi cittadini e sono consapevole del fatto che il Vostro lavoro ha dato ottimi risultati di cura e assistenza e per questo ringrazio Voi e tutto il personale sanitario che con abnegazione e professionalità ha lavorato in questi difficili mesi". 

"Al contempo, senza dar seguito a polemiche e strumentalizzazioni che purtroppo in questo ultimo periodo hanno inutilmente appesantito il Vostro delicato lavoro, vi chiedo la certezza della riapertura integrale dell’ospedale di Cairo in tempi brevi, che ragionevolmente, alla luce di quanto esposto sopra, ritengo che sia opportuno avvenga non oltre il 1° luglio 2020 - conclude Lambertini - La nostra valle ha bisogno di avere un presidio sanitario efficiente e la riapertura di tutte le attività esistenti dovrà essere solo un passaggio per poi andare oltre, fino a quella definitiva riorganizzazione che tutti ci aspettiamo". 

Una richiesta, come detto in precedenza, condivisa anche dai comuni. "Sosteniamo quanto richiesto dal sindaco di Cairo Montenotte Paolo Lambertini, in relazione alla richiesta di riapertura integrale dell'ospedale. Riteniamo di aver responsabilmente accettato e supportato, nei mesi scorsi, le scelte di chiusura di reparti e servizi per fronteggiare l’emergenza sanitaria relativa al Covid-19, senza polemiche e certi della legittima, anche se dolorosa decisione" commentano i sindaci di  Bormida, Calizzano, Cengio, Dego, Giusvalla, Mallare, Mioglia, Osiglia, Pallare e Piana Crixia. 

"Negli ultimi giorni la situazione è decisamente migliorata e le continue e graduali aperture verso il ritorno alla normalità hanno portato anche alla conseguente riapertura di diversi servizi dell’Ospedale. Oggi riteniamo che prevedere una riapertura completa dell’ospedale “San Giuseppe” dal 1 luglio, sia una richiesta legittima e rispettosa delle aspettative di tutti i cittadini della nostra valle. L’ospedale di Cairo è fondamentale per le 40 mila persone che vivono in Val Bormida" concludono i sindaci della Val Bormida. 

Graziano De Valle

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium