/ Attualità

Attualità | 03 giugno 2020, 13:12

Via libera agli spostamenti tra regioni: ecco le regole da seguire a partire da oggi

Treni, aerei, navi, auto e turismo: dalla misurazione della temperatura corporea al numero di persone in macchina ecco cosa cambia per spostarsi liberamente in Italia

Via libera agli spostamenti tra regioni: ecco le regole da seguire a partire da oggi

Da oggi, mercoledì 3 giugno, tornano possibili gli spostamenti tra regione senza la necessità dell'autocertificazione come era stato previsto dall'ordinanza anti contagio da Coronavirus. E' di nuovo possibile dunque uscire dai confini regionali per andare a trovare amici e congiunti, ma anche per turismo.

C'è però da tenere presente che in alcune regioni (Lombardia, Trentino, Friuli Venezia Giulia, Campania e la città di Genova) sarà obbligatorio indossare la mascherina  anche all'aperto. In tutta Italia resta comunque valido il divieto di assembramento e l'obbligo di mantenere la distanza di sicurezza tra le persone di almeno un metro, così come la quarantena per chi presenta sintomi compatibili con quelli del Coronavirus, come ad esempio una temperatura corporea al di sopra dei 37,5 gradi.

Una novità da tener presente per gli spostamenti è la possibile richiesta di compilazione di un modulo relativo allo stato di salute e ai contatti avuti, da conservare per quattordici giorni. La compilazione del modulo potrà essere infatti necessaria agli imbarchi sui voli aerei, su navi e traghetti o al momento della registrazione in alberghi e case in affitto. Per quanto riguarda i trasporti ferroviari a lunga percorrenza sarà necessario sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea.

Attenzione agli spostamenti in auto tra le regioni. Nella stessa vettura si può viaggiare insieme se si appartiene allo stesso nucleo familiare convivente, altrimenti negli altri casi si dovranno seguire norme differenti: nella parte anteriore dell'auto potrà esserci soltanto il guidatore, mentre nei sedili posteriori si dovrà lasciare libero il posto centrale (se l'auto ha tre posti nel sedile posteriore) e bisognerà indossare la mascherina anche durante il viaggio. Se si viaggia in due, invece, il passeggero seduto nel posto posteriore dovrà essere sul lato opposto a quello del guidatore, quindi a destra. 

Resta alla singola regione la possibilità di prevedere norme più rigide: ad esempio in Campania chi a bordo dei treni interregionali venisse trovato con la temperatura superiore ai 37.5° dovrà sottoporsi a test rapido ed eventuale tampone. Governo e regioni consigliano inoltre di scaricare l'app Immuni, anche se il suo utilizzo non è obbligatorio per i cittadini. 

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium