/ Solidarietà

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | 13 luglio 2020, 18:22

Progetto “Apri”, Quiliano accoglie nuovi rifugiati

Il progetto si basa sull’accoglienza e l’integrazione ed è rivolto a persone già presenti sul territorio italiano che si trovano in situazione di vulnerabilità e bisogno

Progetto “Apri”, Quiliano accoglie nuovi rifugiati

Riparte a Quiliano il progetto Rifugiato a casa mia con una nuova forma, “Apri”, che prende ispirazione da quattro verbi pronunciati da papa Francesco in riferimento ai migranti: accogliere, proteggere, promuovere, integrare. Il progetto si basa sull’accoglienza e l’integrazione ed è rivolto a persone già presenti sul territorio italiano che si trovano in situazione di vulnerabilità e bisogno.

Nella nostra diocesi questa iniziativa, promossa da Caritasinmigrations, è stata nuovamente accolta dalla parrocchia Quiliano che, dal 19 giugno, ospita una famiglia composta da padre, madre e figlia e una donna accompagnati da due famiglie tutor che hanno già esperienza con le precedenti edizioni di Rifugiato a casa mia.

L’obiettivo è quello di fornire alle persone gli strumenti necessari per riuscire a rendersi più autonomi, magari arrivare ad avere un appartamento in locazione oltre che una rete di contatti e relazioni umane con la comunità e il territorio - ha spiegato a “Il Letimbro” Samuela Toso, della Fondazione diocesana ComunitàServizi e responsabile del progetto - nelle scorse settimane è stata allestita la casa e sono state individuate due famiglie che accompagnano in modo più specifico le persone ospitate”.

Il progetto è finanziato dalla Cei e durerà sei mesi ed è rivolto ai più esclusi e vulnerabili, coloro con non rientrano nei progetti Siproimi e Cas.

Comunicato Stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium