/ Albisolese

Albisolese | 16 luglio 2020, 18:43

Parole ubikate in mare: il 27 luglio Massimo Recalcati presenta "La tentazione del muro"

Appuntamento alle ore 21:15 in piazza Lam ad Albissola Marina

Parole ubikate in mare: il 27 luglio Massimo Recalcati presenta "La tentazione del muro"

Lunedì 27 luglio Massimo Recalcati presenta "La tentazione del muro" ospite del festival Parole ubikate al mare. Appuntamento alle ore 21:15 in piazza Lam ad Albissola Marina. Introduce Renata Barberis.

Esiste ancora un lessico civile? Nel tempo in cui i confini si sono trasfigurati in muri, l’odio sembra distruggere ogni forma possibile di dialogo, la paura dello straniero domina, il fanatismo esalta fantasmi di purezza per cancellare l’esperienza della differenza e della contaminazione, la libertà aspira a non avere più alcun limite, è ancora possibile pensare il senso dello stare insieme, della vita plurale della polis? L’essere umano ha da sempre tracciato confini, difeso la propria incolumità, respinto il rischio dell’aperto. La pulsione non si manifesta solo come passione per la libertà, per l’avventura e il viaggio, come sete di conoscenza e di socialità, ma rivela altresì la spinta alla chiusura, a rifiutare la libertà, ad evitare la responsabilità radicale che essa comporta, a contrabbandarla in cambio della propria sicurezza. È questa la tentazione del muro con la quale ogni lessico civile non può evitare di confrontarsi. Dal punto di vista della libertà la tremenda lezione di questa epidemia consiste nel mostrare il carattere vacuo e solo ideologico della libertà intesa come proprietà individuale e nell’insegnarci invece che la cifra eticamente più alta della libertà non è affatto l’arbitrio, né il dispiegamento della volontà individuale, ma la solidarietà. Nella rinuncia all’esercizio della nostra libertà, imposta dall’aggressività del Covid-19, non è in gioco nessun fantasma sacrificale, nessuna vocazione penitenziale, né alcun attentato alla nostra libertà collettiva, ma l’idea profonda che nessuno si può salvare da solo, che la libertà senza fratellanza è una parola vuota. In cinque brevi e potenti lezioni uno psicoanalista tra i più originali del nostro Paese offre ai suoi lettori i testi inediti del programma televisivo Lessico civile. 

L’AUTORE Massimo Recalcati, psicoanalista tra i più noti in Italia, dirige l’Irpa (Istituto di ricerca di psicoanalisi applicata) e nel 2003 ha fondato Jonas Onlus (Centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi). Scrive per “la Repubblica”, insegna Psicopatologia del comportamento alimentare presso l’Università di Pavia e Psicoanalisi e scienze umane presso l’Università di Verona. Ha pubblicato numerosi libri, tradotti in diverse lingue, tra cui: L’uomo senza inconscio (2010), Cosa resta del padre? (2011), Jacques Lacan, 2. voll. (2012-2016), L’ora di lezione (2014), Contro il sacrificio (2017), Le nuove melanconie (2019). Con Feltrinelli ha pubblicato Il complesso di Telemaco (2013), Le mani della madre (2015), Il mistero delle cose (2016), Il segreto del figlio (2017), A libro aperto (2018) e Mantieni il bacio (2019).

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium