/ Attualità

Attualità | 12 agosto 2020, 08:32

Limiti di velocità 'altalenanti' sulle autostrade liguri: gli operatori turistici "Un altro problema che non incoraggia i villeggianti"

Effettivamente, percorrendo la A10 tra Ventimiglia e Genova (e viceversa) si possono notare le continue differenze di velocità che, seppur con un buon ‘cruise control’ e con la massima attenzione, spesso si possono anche superare. Si passa spesso dai 90 ai 110 e viceversa e, solo in pochi casi la velocità massima possibile arriva a 130.

Limiti di velocità 'altalenanti' sulle autostrade liguri: gli operatori turistici "Un altro problema che non incoraggia i villeggianti"

Nuova preoccupazione dei commercianti del ponente ligure per la viabilità in autostrada. A pochi giorni dalla riapertura del ponte ‘San Giorgio’ a Genova e la riduzione dei cantieri sulle direttrici che dal Nord portano nella nostra regione, ora c’è il problema dei i controlli della velocità sulla A10.

Sono infatti 19 gli autovelox fissi installati sull’Autostrada dei Fiori, tra Savona ed il confine di Stato e, molti di questi agli ingressi ed alle uscite delle galleria, dove sono state verificate velocità superiori a quelle stabilite, da parte di molti mezzi.

La decisione è stata presa per evitare incidenti e, soprattutto, in base all’indice di incidentalità registrato.

L’installazione è iniziata da poco e nel savonese in direzione Ventimiglia saranno presenti all'uscita della galleria Fornaci a Savona, all'altezza del casello di Orco Feglino, all'ingresso della galleria Carpanea tra Feglino e Finale, in prossimità dell'area di parcheggio Piccaro a Borghetto e all'uscita della galleria prima di Andora.

In direzione Genova invece nell'area di servizio di Andora, all'ingresso della galleria tra Ceriale e Borghetto, all'uscita della galleria Montegrosso a Finale, all'uscita dell'area di sosta a Feglino e all'uscita della galleria Fornaci a Savona.

Secondo gli operatori turistici ed i commercianti il problema ovviamente non è la presenza di velox e tutor, che sono importanti per la sicurezza di chi viaggia, ma i limiti di velocità che variano in continuazione che potrebbero scoraggiare i turisti del Nord Italia a correre il rischio di forti multe per venire in vacanza.

Effettivamente, percorrendo la A10 tra Ventimiglia e Genova (e viceversa) si possono notare le continue differenze di velocità che, seppur con un buon ‘cruise control’ e con la massima attenzione, spesso si possono anche superare. Si passa spesso dai 90 ai 110 e viceversa e, solo in pochi casi la velocità massima possibile arriva a 130.

E, se sulla riviera ligure è difficile rispettare i limiti che variano in continuazione, ancora peggiore è la situazione in Costa Azzurra, dove i velox sono molti di più e, in taluni casi, le velocità massime consentite scendono addirittura a 70 km/h. Un problema che è stato evidenziato dagli operatori turistici che, pur rispettando la necessità di ridurre le velocità e aumentare la sicurezza, chiedono di modificare una situazione di cui spesso si sono lamentati i turisti.

Ovviamente, insieme agli autovelox fissi, sono previsti anche i servizi mobili, a cura della Polizia Stradale.

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Leggi le notizie di Imperia e Golfo Dianese

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium