/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 12 settembre 2020, 08:03

Ripartenza in piena sicurezza per l'IPSSAR e l'IPSIA di Finale. Con una novità: la succursale dell'Alberghiero nell'ex INPS

Il personale ATA tinteggia le aule della nuova succursale e gli insegnanti provvedono con le ultime misure anti-Covid

Ripartenza in piena sicurezza per l'IPSSAR e l'IPSIA di Finale. Con una novità: la succursale dell'Alberghiero nell'ex INPS

Una ripartenza in piena sicurezza per le scuole IPSSAR e IPSIA di Finale Ligure, dopo l’ultimazione dei lavori in vista del nuovo anno scolastico 2020/2021.

Si riparte con una nuova reggenza, che vede al timone il Professor Andrea Piccardi (dell’Istituto Comprensivo di Varazze), dopo cinque anni sotto la guida di Angela Cascio.

Sono già stati ultimati gli esami che vengono definiti “passerella”, per gli studenti provenienti da altre scuole che vogliono iscriversi all’IPSSAR o all’IPSIA.

Spiega la vicepreside Stefania Arata: “Vogliamo ringraziare la Provincia di Savona che ha effettuato la ristrutturazione della facciata della sede, invariata dagli anni ‘80. Inoltre vogliamo ringraziare il Comune di Finale Ligure che ci ha concesso i vani della ex sede INPS e il CPIA (Centro Provinciale Istruzione Adulti), in attesa che vengano completati i lavori al tetto della succursale. Grazie anche al personale ATA per l’impegno dimostrato tinteggiando le aule della vecchia succursale”.

Ma non è tutto: ieri mattina un gruppo di insegnanti totalmente volontari ha ultimato le operazioni di pulizia e disinfezione nella sede ex INPS, ha provveduto al distanziamento dei banchi e ha sfalciato l’erba. Con questi ultimi accorgimenti giunge così a compimento il programma di arginamento del rischio Covid-19. Alle 8:30 si è riunito il collegio docenti, dopodiché gli insegnanti hanno frequentato il corso sulla sicurezza e dalle 11:30 fino alla fine dei lavori si è svolta l’opera di volontariato per completare le ultime sistemazioni.

In sede resteranno solo le classi prime e seconde, su due piani diversi, mentre in succursale saranno collocate le terze, quarte e quinte. Tutto ciò contribuisce al piano di scaglionamento degli ingressi per evitare assembramenti.

Spiega in merito il professor Roberto Colombo: “Novità anche per i laboratori. Poiché infatti le nostre classi terze, quarte e quinte sono abbastanza numerose, le ‘spezzeremo’ facendo svolgere i laboratori di cucina per metà al pian terreno e per metà al primo piano. Lunedì le lezioni prenderanno il via alle 8:30, tranne le prime che entreranno alle 9 perché, come da tradizione, abbiamo allestito per loro una serie di attività di accoglienza. In generale per i primi tempi le classi effettueranno tre ore giornaliere di lezione, fino alle 11:30”.

La vicepreside Arata conclude sottolineando un problema che, purtroppo, in questi ultimi giorni è emerso a livello nazionale: in attesa delle nuove nomine, infatti, le scuole sono sotto organico sia per quanto riguarda i docenti, sia per il personale ATA.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium