/ Attualità

Attualità | 14 settembre 2020, 12:38

Vaccino antinfluenzale da ottobre per i savonesi. FIMMG: "Servono spazi più ampi per non creare assembramenti negli ambulatori"

Il dottor Tersidio, segretario provinciale dei medici di medicina generale: "Dall'Asl 2 ci è pervenuta la disponibilità dei quattro punti prelievi presso gli ospedali, sono comunque insufficienti"

Vaccino antinfluenzale da ottobre per i savonesi. FIMMG: "Servono spazi più ampi per non creare assembramenti negli ambulatori"

Inizierà nei primi giorni di ottobre nella provincia di Savona la campagna di vaccinazione antinfluenzale in vista dell'inverno. Le sedi preposte per i vaccini saranno gli ambulatori dei medici di famiglia ed i quattro punti prelievi degli ospedali presenti nella nostra provincia: Savona, Pietra Ligure, Albenga e Cairo Montenotte.

"Abbiamo chiesto di avere degli spazi più ampi, vista la necessità di distanziamento e la presenza di situazioni particolare come quelle di ambulatori che si trovano all'interno di condominii o di ambulatori nei quali operano in gruppo diversi medici - spiega Angelo Tersidio, segretario provinciale della Federazione Medici di Medicina Generale - in alcune situazioni, ad esempio, se tutti dovessero vaccinare i propri pazienti, in pochi mesi 4/5 mila persone si ritroverebbero a transitare in un condominio, magari utilizzando l'ascensore: una situazione spropositata".

"Abbiamo chiesto all'Asl di fornirci dei locali all'infuori degli ambulatori e l'unica disponibilità che ci è pervenuta sono i quattro punti prelievi presso gli ospedali, disponibili al pomeriggio, quindi Savona, Cairo Montenotte, Pietra Ligure e Albenga - ha inoltre aggiunto Tersidio - Sono comunque insufficienti. Nel ponente savonese pare che i colleghi riescano ad organizzarsi meglio con i centri saluti ed alcune aree da loro individuate, mentre a levante, come a Savona, Celle Ligure e Varazze, ci sono problematiche maggiori. Alcuni colleghi si sono attivati presso i sindaci, è il caso di Celle, Spotorno e Varazze, e attendono una risposta: ad esempio a Varazze si lavora per il Palazzetto dello Sport che sarebbe disponibile, l'Asl dovrebbe fare solo un sopralluogo per valutarne l'idoneità. Per Savona ho contattato venerdì scorso la segreteria del sindaco e attendo una risposta".

L'importanza della vaccinazione antinfluenzale, specialmente per le fasce più deboli della popolazione, è infatti uno dei pochi punti su cui larghissima parte della comunità scientifica in questi mesi di pandemia. Riuscire ad escludere le normali influenze di stagione dalla Sars-CoV-2 è infatti, secondo diversi pareri medici, un primo passo per evitare una seconda ondata di crisi nelle strutture ospedaliere.

Roberto Vassallo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium