/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 19 ottobre 2020, 12:30

Prato delle Ferrere: a Cairo un esperimento sociale riuscito

Un luogo pubblico che diventa sempre più bello perché amato e rispettato da tutti

Prato delle Ferrere: a Cairo un esperimento sociale riuscito

Un’area dismessa riportata in vita, diventata nel corso degli anni un luogo di ritrovo e condivisione. Una sorta di laboratorio sociale dove sviluppare progetti che vedono come protagonisti i cittadini.

Correva l'anno 2010 quando La Filippa, coerentemente agli obiettivi aziendali di valorizzazione del territorio in cui opera, si è resa disponibile a riqualificare questo luogo situato in strada Ferrere (località Colombera). A distanza di 10 anni, il Prato delle Ferrere di Cairo Montenotte è diventato un parco pubblico attrezzato unico in Liguria. Un bellissimo giardino dei vicini di casa che incrementa il valore dell’intero quartiere.

Il Prato, con una superficie di 5 mila metri quadri, è stato adottato dai cittadini e percepito come un bene comune. Amato e rispettato da tutti.

L'azienda ha ricevuto questa forte dimostrazione, continuando a investire risorse e attenzioni. Nel 2017 ha rinnovato e raddoppiato il Prato. Due anni dopo, nel 2019, ha installato nuovi giochi e sostituito quelli usurati.

Al grido "Imparare divertendosi", la comunicazione e l'endutainment caratterizzano fortemente il Prato delle Ferrere. Ne sono un esempio i cartelli 'parlanti', la mostra educational dell’artista cairese Massimo Gariano e il percorso sviluppato in un recinto di legno (in stile ranch) dove gli scatti di passione del fotografo di natura Roberto Malacrida accompagnano grandi e piccini all’incontro con gli animali che popolano la Valle delle Ferrere.

All'interno del Prato è presente anche una "Piccola Biblioteca Libera", realizzata modificando un vecchio quadro elettrico. I bambini possono trovare libri nuovi e usati, leggere sdraiati nell’erba o in uno dei tre salotti relax ombreggiati e portarsi a casa - per collezionarle - Le Cartoline Favolose.

Il portale d’ingresso del Prato è stato realizzato recuperando una delle centine in legno utilizzate nel 1964 per la costruzione del forno, realizzata dai carpentieri della vecchia fabbrica di mattoni della Valle delle Ferrere. E sempre dalla stessa fabbrica è stato recuperato, quale elemento funzionale ed architettonico per la costruzione della staccionata del parcheggio, un profilato in gomma (la bavetta) che serviva per mantenere puliti i nastri di trasporto dell’argilla.

A sorvegliare il tutto ci sono "I quattro amici del Prato": due grandi tigli, una magnolia grandiflora e un acero "saccarinum" dalle splendide foglie rosse. I tigli si chiamano Attiglio e Basiglio (scritti proprio con la “g”), il primo ha 40 anni è nato in Toscana, ma vive a Cairo da 25; il secondo, cairese da sempre, ha 30 anni come Rino, l’acero saccarinum. Infine c'è Amalia, la Magnolia cairese di 25 anni.

La coscienza civica dei cittadini e il loro senso di appartenenza a una comunità hanno fatto vincere una scommessa sulla quale non erano in tanti a credere.

Oggi, invece, il Prato rappresenta un esempio virtuoso e per rafforzare questo messaggio positivo, La Filippa ha realizzato nuovi materiali informativi, che attraverso tre slogan accompagnati da foto, vogliono sottolineare il fatto che quando un’azienda socialmente responsabile incontra l’orgoglio della comunità, si genera valore.

Gli slogan sono:

- La tua città, il tuo Prato
- Uno di Noi
- Svizzera? No, Cairo!

I cartelli sono stati affissi al Prato.

Files:
 Prato delle Ferrere Cairo Montenotte (8.8 MB)
 Prato delle Ferrere Cairo Montenotte 1  (1.6 MB)
 Prato delle Ferrere Cairo Montenotte 2  (0.9 MB)

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium