/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 19 ottobre 2020, 17:30

Presunta contaminazione discariche Bossarino e Boscaccio a Vado, l'ad di EcoSavona: "Siamo tranquilli, tutto ipercontrollato"

Contestato un possibile disastro ambientale a causa di alcuni percolati. Ma Raimondo assicura: "Nessun parametro che possa portare al reato in questione"

Presunta contaminazione discariche Bossarino e Boscaccio a Vado, l'ad di EcoSavona: "Siamo tranquilli, tutto ipercontrollato"

"Siamo estremamente tranquilli, questo è un sequestro di aree specifiche, per fare un'attività di monitoraggio che dura tre giorni. Negli atti si parla di presunta contaminazione, noi oggi abbiamo messo a disposizione tutto nella massima trasparenza verso gli enti".

Con queste parole, Flavio Raimondo, amministratore delegato e direttore generale di EcoSavona, è intervenuto in merito al sequestro da parte dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Savona, Nucleo Polizia Economico Finanziaria, su delega della Procura della Repubblica di Savona, di alcune aree poste all'interno delle discariche "Boscaccio" e "Bossarino" a Vado Ligure.

"Si tratta di un'ipotesi indiziaria che va avanti da anni, le discariche sono ipercontrollate da sempre, Arpal fa campionamenti dove vogliono e come vogliono, rilasciamo anche noi i campionamenti e li mandiamo a laboratori terzi, liguri che ci certificano - prosegue Raimondo - se c'erano parametri fuori norma, sarebbe stato nostra responsabilità e interesse approfondire questa situazione e capire se c'erano problemi nei pozzetti".

L’indagine ha per oggetto il reato di disastro ambientale colposo, commesso da epoca successiva al 2016 iscritto a carico dei legali rappresentanti delle società che gestiscono le discariche. Il procedimento trae origine da accertamenti e sopralluoghi svolti dalla Guardia di Finanza, dall’Arpal e dal consulente tecnico del pubblico ministero all'interno dei siti nel corso dell’estate del 2019.

"Non c'è nessun parametro sulle analisi che facciamo e che hanno fatto gli enti e non c'è mai stato, che può portare al disastro ambientale. La discarica è super controllata dai laboratori e da Arpal che viene quando vuole. Stanno andando avanti e non ci sono stop sui rifiuti" ha concluso l'amministratore delegato e direttore generale di EcoSavona.

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium