/ Attualità

Attualità | 23 ottobre 2020, 17:00

Scuola, da lunedì via alla Dad a rotazione. Dirigente scolastico Clavarino: "A nessuno piace fare un passo indietro sulla didattica ma è necessario"

Lugaro, Cgil: "Non è accettabile però che gli studenti e gli insegnanti debbano fare le spese per un sistema che non ha funzionato in merito ad una mancata programmazione dei trasporti"

Scuola, da lunedì via alla Dad a rotazione. Dirigente scolastico Clavarino: "A nessuno piace fare un passo indietro sulla didattica ma è necessario"

Da lunedì via all'ordinanza regionale per il ritorno dell'attivazione della didattica a distanza per il 50% degli studenti dalle classi dalla seconda superiore alla quinta. Una Dad quindi a rotazione con le lezioni in presenza che potrà così a servire a far respirare i mezzi di trasporto pubblico troppo affollati nelle ultime settimane.

"Dobbiamo prenderne atto, bisogna applicarla e gli istituti si stanno organizzando,  la ragione sta proprio nella difficoltà esterna delle scuole, gestire questa serie di problematiche sia per la pandemia che per il controllo degli spostamenti non è semplice, la riduzione dei numeri agisce da una parte per l'alleggerimento del sistema e evita che ci siano al di fuori possibilità di assembramento" ha spiegato il dirigente dell'Ufficio Scolastico provinciale Alessandro Clavarino.

 

"Le scuole si stanno organizzando e lunedì saremo pronti. Ogni istituto ha la sua storia e non sono totalmente impreparati, ci sono alcune realtà con problemi di rete e l'attrezzatura non è identica per tutti. A nessuno piace fare un passo indietro sulla didattica ma questa è una situazione di necessità, cerchiamo di fare in modo che tutto torni al più presto possibile alla normalità" continua Clavarino.

Sono molti gli istituti che hanno dovuto far fronte alle positività di studenti e insegnanti e alle successive obbligate quarantene, una situazione che però non preoccupa particolarmente nel savonese.

"Abbiamo scritto su impulso del Prefetto ai ragazzi di evitare gli assembramenti e che le mascherine e la distanza sociale sono fondamentali e da mettere in atto sempre - prosegue Clavarino - nel savonese la situazione non è preoccupante in realtà il numero dei docenti e dei ragazzi parametrati sui positivi è basso, a scuola la sicurezza c'è, ma all'esterno la vita va avanti, tutto ciò ha quindi l'effetto andare verso la didattica a distanza".

Critica però la Cgil, soprattutto in merito alla gestione dei trasporti, nel quale gli assembramenti non sono mancati da quando è ricominciata la scuola.

 

"E' evidente che di fronte a ragioni di sicurezza, anche queste misure possono avere un senso, non è accettabile però che gli studenti e gli insegnanti debbano fare le spese per un sistema che non ha funzionato in merito ad una mancata programmazione dei trasporti" ha detto il segretario della Flc Cgil Mario Lugaro.

"Se avessero pensato per tempo e potenziato il servizio non staremo a parlare di questo. La didattica mista crea problemi organizzativi per la scuola, sia per gli insegnanti che per gli istituti in quanto devono attrezzare laboratori, ci sono problemi su problemi. Bisognava pensarci prima con pullman e autobus dedicati solo agli studenti" continua Lugaro.

 

 

 

 

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium