/ Politica

Politica | 24 ottobre 2020, 09:46

Emergenza sanitaria, Pasa (Cgil): "Toti si accorge dell'importanza degli ospedali di Albenga e Cairo. Ora stop alla privatizzazione"

Il segretario provinciale: "Serve un forte segnale di discontinuità, dando l’avvio ad un confronto di qualità sulla sanità. Lo si deve ai lavoratori e ai cittadini"

Emergenza sanitaria, Pasa (Cgil): "Toti si accorge dell'importanza degli ospedali di Albenga e Cairo. Ora stop alla privatizzazione"

"Mentre il virus avanza senza sosta, la nostra regione continua ad essere tra quelle con il tasso di contagi più alto  in rapporto ai residenti, nonostante ci sia stato tempo per programmare le azioni da mettere in campo nella seconda ondata, da noi più volte sollecitate, rischiamo che i cittadini si ritrovino nella stessa situazione di marzo".

A parlare è il segretario provinciale della Cgil, Andrea Pasa, dopo le parole di ieri di Giovanni Toti in conferenza stampa annunciando la conversione dei due nosocomi in aree Covid in supporto a quelli di Genova e Savona (LEGGI QUI). 

"La preoccupazione del sindacato per quanto sta accadendo è forte e riguarda soprattutto i lavoratori, ma anche i cittadini nelle fasce più deboli come ad esempio i pensionati" afferma il sindacalista.

"In queste ore il Presidente della Regione, con delega anche alla Sanità, si accorge che esistono anche gli ospedali di Cairo Montenotte ed Albenga. Bene, meglio tardi che mai. Se così è, come chiediamo da troppo tempo - continua - ritiri l'iter di privatizzazione che ha fortemente voluto in questi anni ed investa immediatamente sulle due strutture e sulla rete territoriale socio sanitaria della Val Bormida e dell'albenganese. Territori trascurati in questi ultimi anni, con l'idea della svendita al privato e del solo profitto".

"E’ necessario un forte segnale di discontinuità, dando l’avvio ad un confronto di qualità sulla sanità. Lo si deve alle lavoratrici ed ai lavoratori che quotidianamente 'sudano' per compiere il proprio lavoro all'interno di due ospedali via via depotenziati e privati di una organizzazione da parte di Alisa e della Regione. Lo si deve, soprattutto, alle decine di migliaia di abitanti dell'entroterra e del Ponente savonese, al loro sacrosanto 'diritto alla cura' che solo una sanità, ospedaliera e territoriale, pubblica ed efficiente è realmente in grado di garantire" conclude Pasa.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium