/ Attualità

Attualità | 25 ottobre 2020, 09:14

Direttore Chiabrera, le associazioni non ci stanno: "Con il consiglio comunale, alcune affermazioni della lettera del sindaco non sono aderenti alla realtà"

Alcuni rappresentanti dell'associazionismo savonese hanno risposto a Caprioglio e Rodino: "Pensiamo che la trasparenza sia la prima condizione per un confronto sereno e libero"

Direttore Chiabrera, le associazioni non ci stanno: "Con il consiglio comunale, alcune affermazioni della lettera del sindaco non sono aderenti alla realtà"

Alcuni rappresentanti del mondo associazionistico savonese che hanno ricevuto la lettera del sindaco Ilaria Caprioglio e dell'assessore Doriana Rodino, con la richiesta di un dialogo proprio con le stesse in merito al futuro nuovo direttore del teatro Chiabrera, non ci stanno e si schierano a favore della mozione presentata in consiglio comunale e approvata all'unanimità.

"Ringraziamo il Sindaco e l'Assessore per l'invito a un confronto in merito al rinnovamento della gestione del Teatro comunale Chiabrera. Crediamo che la discussione e il dibattito siano passaggi fondamentali per la politica culturale della nostra città" spiegano Lazzaro Calcagno e Dario Caruso (Progetto Gabriello) Giovanni Di Stefano (Opera Giocosa Teatro di Tradizione), Marco Ghelardi (ass. Salamander), Claudio Gilio (Orchestra Sinfonica di Savona), Francesco Ottonello (ass. Ensemble Nuove Musiche) e il direttivo dell'associazione Rossini.

"Purtroppo, e nostro malgrado, ci troviamo costretti a rimandare questo invito, considerando che: il Consiglio comunale, il 30 settembre scorso, ha approvato all'unanimità la mozione che ha richiesto che il Teatro fosse rinnovato con una divisione fra direzione artistica e amministrativa e che la prima avesse un incarico a termine; noi ci troviamo d'accordo con i principi definiti dal Consiglio in quell'occasione; la volontà espressa nella lettera d'invito contraddice quanto definito in tale riunione e questo pregiudica chiarezza e coerenza per un confronto costruttivo" proseguono.

"Inoltre, alcune affermazioni della lettera non sono aderenti alla realtà secondo la nostra esperienza delle pratiche dello spettacolo dal vivo nazionale. Pensiamo che la trasparenza sia la prima condizione per un confronto sereno e libero: non è stata resa nota la lista delle associazioni invitate né i criteri con i quali sono state selezionate ed escluse alcune associazioni insieme a quegli operatori che, senza appartenere a una precisa associazione, contribuiscono in modo significativo alla cultura locale; riteneniamo che un incontro, anche da remoto, plenario e generale avrebbe giovato alla ricchezza del dibattito e al confronto delle posizioni; desidereremmo sapere chi saranno i nostri interlocutori in occasione dell'incontro" proseguono.

"Per tutte queste ragioni, ci sentiamo perciò obbligati a rimandare a un'occasione successiva, con la speranza di conoscere quanto prima una linea politica chiara e non divergente su cui avviare un confronto, che sin da ora riteniamo costruttivo e importante, rispettando i principi della mozione approvata all'unanimità dai consiglieri comunali e dai lei gentilissima sindaco" concludono i rappresentanti delle associazioni di Savona.

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium