/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 26 ottobre 2020, 19:20

Savona, dalla Lista Civica 2.0 una mozione per ribadire l'importanza e la strategicità del raddoppio ferroviario con Torino ed il Piemonte

"Vogliamo rimarcare quanto sia fondamentale potenziare i collegamenti ferroviari e, in generale, l'intera logistica infrastrutturale in una città da sempre penalizzata a discapito di Genova"

Savona, dalla Lista Civica 2.0 una mozione per ribadire l'importanza e la strategicità del raddoppio ferroviario con Torino ed il Piemonte

"La Lista Civica 2.0 ha presentato una mozione per ribadire l'importanza e la strategicità del raddoppio ferroviario tra Savona, Torino ed il Piemonte. Ancora una volta vogliamo rimarcare quanto sia fondamentale potenziare i collegamenti ferroviari e, in generale, l'intera logistica infrastrutturale in una città da sempre penalizzata a discapito di Genova". Così Alessandro De Lucis, Gian Dogliotti, Alberto Marabotto, Maurizio Scaramuzza, Andrea Sotgiu e Alessandro Venturelli, consiglieri comunali di Savona.

"Il potenziamento della ferrovia verso il Piemonte, da sempre cavallo di battaglia degli amici del gruppo Noi per Savona, che teniamo a ringraziare per il lavoro svolto in merito, cui l'Amministrazione del capoluogo ha dato la dovuta risonanza, portando il progetto ad un'espressione positiva da parte della Regione Liguria, è ancora in attesa di studio di valutazione da parte degli enti preposti. Nonostante le promesse fatte dal Ministro De Micheli a febbraio ("Ho commissionato a RFI uno studio di fattibilità entro 60 giorni), nulla ancora è stato comunicato" proseguono i consiglieri savonesi.

"Sperando non faccia parte della solita inconcludente politica dei vacui annunci di questo Governo (ricordiamo, in tema di mobilità i famosi bonus per bici e monopattini elettrici ancora da erogare e, per restare a Savona, il ben più triste nulla di fatto sulla questione delle funivie), abbiamo ritenuto fondamentale inserire la viabilità ferroviaria tra i progetti infrastrutturali del Recovery Found. Sperando, fra molti e fondati dubbi, che l'Esecutivo sia realmente in grado di gestire lo strumento finanziario comunitario" concludono infine De Lucis, Dogliotti, Marabotto, Scaramuzza, Sotgiu e Venturelli.

Comunicato Stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium