/ Al direttore

In Breve

lunedì 23 novembre
sabato 21 novembre
lunedì 16 novembre
sabato 14 novembre
giovedì 12 novembre
martedì 10 novembre
lunedì 09 novembre
venerdì 06 novembre
domenica 01 novembre
sabato 31 ottobre

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Al direttore | 13 novembre 2020, 18:30

Il grido di aiuto dei titolari di attività di ristoro: "Non vogliamo essere strumentalizzati, ma supportati a livello economico e fiscale"

"Nessuna forza politica in grado di tutelare un settore con un indotto occupazionale e commerciale senza eguali. Spero in una riforma del sistema fiscale"

Il grido di aiuto dei titolari di attività di ristoro: "Non vogliamo essere strumentalizzati, ma supportati a livello economico e fiscale"

"Siamo davanti ad una crisi del ristoro mai vissuta sino ad ora e vedere sui canali social appartenenti al mondo politico sia a livello regionale che nazionale promuovere le nostre attività mi sembra pura strumentalizzazione". 

Arriva da Matteo Canciani, co titolare di un noto bar bistrot a gestione famigliare tra i più conosciuti a Pietra Ligure, lo sfogo sotto forma di lettera per la situazione che tante attività del settore stanno vivendo in questa seconda ondata di chiusure imposte dal Governo per contrastare la pandemia da Covid 19.

"Da anni oramai tartassati da tasse, con una pressione fiscale più alta al mondo, oggi ci troviamo di fronte a fronteggiare una crisi dalla quale difficilmente il 70% delle attività ne uscirà indenne.

Nessuna forza politica è stata in grado di tutelare un settore avente un indotto a livello occupazionale e commerciale senza eguali, ed oggi nessun politico si può permettere di difenderci permettendosi di criticare quelle riforme 'salvagente' varate negli ultimi mesi dal governo come innesto finanziario per cercare di arginare le perdite.

Questo fondo perduto viene definito come 'elemosina da pochi spiccioli', ma la situazione economica italiana e il suo bilancio non può permettersi di più. Gli sforzi e soprattutto la nostra tutela doveva avvenire già anni a dietro, andando a ridurre visibilmente le tassazioni e i costi di gestione.

Oggi l'unica speranza è quella di poter sconfiggere o, meglio, arginare il virus e tornare ad aprire le nostre porte rimettendo in moto quella macchina che piano piano si sta arrugginendo. Spero in una riforma del sistema fiscale che tenga conto l'importanza del nostro settore ad oggi in crisi andando a ridurre la pressione fiscale per non far fallire aziende provocando licenziamenti e portando famiglie sulla soglia di povertà.

Non ci resta che guardare avanti nella speranza di un futuro migliore perché come diceva W. Churchill 'Se apriamo una lite tra il presente e il passato, rischiamo di perdere il futuro'".

Lettera firmata

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium