/ Attualità

Attualità | 29 novembre 2020, 14:05

Donazioni di sangue a livello dello scorso anno ma manca il personale sanitario. Donzellini (Avis provinciale): "E' un problema, siamo costretti a chiudere alcune sedi"

Il Coronavirus non ha stoppato i cittadini che negli ultimi mesi hanno continuato a donare il sangue nonostante l'emergenza sanitaria potesse creare un po' di timore

Donazioni di sangue a livello dello scorso anno ma manca il personale sanitario. Donzellini (Avis provinciale): "E' un problema, siamo costretti a chiudere alcune sedi"

"Siamo a livello delle stesse donazioni dell'anno scorso nello stesso periodo ma manca il personale sanitario". 

Un segnale positivo e un grido d'allarme arrivano dal presidente dell'Avis della provincia di Savona Giovanni Donzellini. Il Coronavirus non ha stoppato i cittadini che negli ultimi mesi hanno continuato a donare il sangue nonostante l'emergenza sanitaria potesse creare un po' di timore. 

"Abbiamo dei segnali positivi come numero di sacche emesse dalla nostra unità di raccolta, a livello regionale invece c'è una diminuzione - spiega Donzellini -  Abbiamo imparato a programmare le donazioni che è un vantaggio sia per l'associazione che per i donatori. Non c'è nessun pericolo, nessun contagio trasferibile con il sangue". 

"In provincia di Savona, le 26 sedi ci permettono di avere una buona qualità di raccolta, la gente viene, le locazioni sono sicure, non hanno perso la voglia di donare nonostante il Covid" ha proseguito il presidente provinciale Avis. 

Un lato negativo però c'è e riguarda la mancanza di infermieri e medici, necessari per l'attività dell'Avis.

"Manca il personale sanitario, abbiamo dovuto per mancanza chiudere diverse giornate. In provincia anche altre sedi hanno dovuto sospendere la giornata di donazione - specifica Donzellini - È un problema che ci portiamo avanti da un po', ad esempio gli infermieri e i dottori devono fare un corso Fad (80 ore i medici, 40 gli infermieri)  poi fare l'affiancamento, ma non è facile trovarli. Gli infermieri sono stati assunti dall'Asl in questo momento di difficoltà, non abbiamo deroghe per farli lavorare da noi e ci vengono così a mancare".

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium