/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 12 dicembre 2020, 13:44

Boissano, tagliano illecitamente 80 kg di erica arborea: sanzionati due cittadini albanesi

Gli arbusti sequestrati sono stati venduti destinando il ricavato alla manutenzione del sentiero escursionisico "San Paolo–San Pietrino"

Boissano, tagliano illecitamente 80 kg di erica arborea: sanzionati due cittadini albanesi

Sotto Natale si sa, le tradizioni vanno rispettate. Vischio, muschio, agrifoglio e tante altre essenze del sottobosco vengono fortemente richieste dai consumatori per realizzare addobbi natalizi.

La forte richiesta porta dunque alcune persone ad improvvisarsi commercianti di verde ornamentale, complice anche un periodo non proprio florido per il lavoro. E’ ciò che è successo lo scorso 9 dicembre a Boissano dove due soggetti albanesi, le iniziali Z.V. e Z.K., provenienti da Arma di Taggia (IM), hanno tagliato ed asportato illecitamente circa 80 kg di erica arborea. 

I due soggetti hanno raccolto gli arbusti in località San Pietrino, sito ricadente all'interno della Zona Speciale di Conservazione Monte Ravinet – Rocca Barbena, raggiungibile da Boissano dal sentiero storico che parte da Via San Paolo, una zoa dalle peculiari caratteristiche, ma al contempo fragile.

I carabinieri Forestali delle Stazioni di Loano e Zuccarello, attivati da preziose segnalazioni pervenute al numero di emergenza ambientale 1515, hanno agito congiuntamente intercettando i trasgressori intenti a trasportare a valle due voluminose fascine, già pronte per poter essere velocemente caricate su un furgone e vendute, sottobanco o con documentazione attestante falsa provenienza, ai grossisti presso i mercati florovivaistici imperiesi.

Ai trasgressori che non erano in regola con le prescritte autorizzazioni necessarie per evitare che il taglio venga effettuato in aree degradate, interessate da frane superficiali o soggette a valanga, è stata irrogata una sanzione amministrativa da 51 fino a 516 euro; gli arbusti illecitamente tagliati sono stati sequestrati ed affidati al comune di Boissano.

Trattandosi di materiale facilmente deperibile solitamente la Regione Liguria ne autorizza lo smaltimento; questa volta la celere collaborazione tra carabinieri forestale, Regione Liguria e comune di Boissano ha fatto sì che il verde ornamentale sequestrato, anziché distrutto, venisse regolarmente alienato ed il ricavato destinato alle opere di manutenzione del sentiero “San Paolo – San Pietrino”, percorso da molti turisti ed escursionisti.

Il fenomeno del taglio abusivo di verde ornamentale, purtroppo in costante e preoccupante aumento, danneggia sia i produttori onesti di questi prodotti ornamentali, sia l’ambiente a causa del poco ortodosso metodo con il quale vengono effettuati i tagli; metodo che compromette le capacità rigenerative delle piante inibendo la crescita del novellame.

Questa attività rientra tra i controlli che i reparti dei carabinieri forestale effettuano costantemente per la tutela del territorio, ma anche nella verifica del rispetto delle norme che tutelano il commercio regolare.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium