/ Attualità

Attualità | 25 febbraio 2021, 07:10

Alassio, un anno fa il primo cluster di Coronavirus negli hotel Bel Sit e Al Mare

La scoperta del primo caso con una signora di Castiglione d'Adda: un momento che ha cambiato le nostre vite

Alassio, un anno fa il primo cluster di Coronavirus negli hotel Bel Sit e Al Mare

E' facile riavvolgere il nastro, perché da quel 25 febbraio dell'anno domini 2020 il mondo sembra come essersi quasi fermato, nell'immobilismo di quelle che da allora per il savonese e tutta la Liguria sono diventate parole dominanti nel nostro vocabolario.

Eppure in quel tiepido pomeriggio dove la primavera sembrava volersi prendere in anticipo il suo spazio, anche i colori caldi ma offuscati del tramonto sul mare decisamente agitato non cullavano gli animi di Alassio, ma facevano presagire che l'inverno era tutt'altro che finito. E non era solo una stagione, ma anche una sensazione, quella di un brivido freddo che percorreva le strette vie del budello e le passeggiate sulla costa: il coronavirus, il temuto Covid19 stava diventando una realtà più vicina di quanto si pensasse.

Un incubo lontano materializzatosi all'hotel Bel Sit e poi nel gemello Al Mare, già dalla sera di domenica 23 febbraio: una donna di 72 anni giunta nella prima metà del mese con una delle tante comitive lombarde e piemontesi per "svernare" in Riviera accusa sintomi influenzali e febbre alta. La prudenza e il fatto di essere residente a Castiglione d'Adda, Comune della "zona rossa" intorno a Codogno, dove qualche giorno prima fu accertato il primo caso di Covid, le consigliarono di presentarsi all'ospedale di Albenga. Trasportata al San Martino l'esito del tampone fu chiaro: positiva (leggi QUI).

Il via vai di curiosi, i capannelli di persone che forse avevano capito cosa stava succedendo senza tuttavia volerlo ammettere, e poi quell'ordinanza (leggi QUI) che suonò come la tromba dell'inizio della battaglia: alberghi isolati. Non si entra né si esce, ospiti ognuno nella propria camera (leggi QUI), il cibo distribuito dalla Protezione Civile, i circa 140 ospiti, molti dei quali anziani, abbandonati al loro destino in attesa di un protocollo di gestione che ancora non c'era e la tensione palpabile (leggi QUI) fino a quando quegli uomini e quelle donne che all'epoca sembravano astronauti, con quella divisa che oramai è emblema di guerra, coi bus della Croce Rossa hanno riportato a casa i turisti (leggi QUI e QUI).

Il resto della narrazione è ormai consegnato alla storia, con gli hotel primo presidio del virus nella nostra Riviera, da Laigueglia (leggi QUI) a Finale (leggi QUI) e i supermercati presi d'assalto dopo l'annuncio del "lockdown" (leggi QUI). Parola che come "cluster" è entrata a forza nel vocabolario della nuova quotidianità regolamentata dai Dpcm di quella che diventò in pochi giorni una pandemia. Le mascherine e il gel igienizzante fedeli compagni di una vita che ora si affida ad una campagna vaccinale che stenta a decollare per riprendersi tutto il tempo perduto.

Continuando a inseguire il prossimo focolaio, spaventati questa volta dalle varianti che ci fanno quasi sentire come in uno di quei film il cui finale annuncia l'inizio di un sequel, a rivederci tra un anno. Sperando che al "to be continued" si possa sostituire il tanto atteso "the end".

Mattia Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Leggi le notizie di Imperia e Golfo Dianese

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium